Dona Adesso

Bella senz’anima

Senza il calore non si cuoce il pane, non nasce famiglia, non vive convento

Polemo visitò alla fiera il padiglione dell’Arte del Fabbro: un’esposizione ampia e molteplice di cancelli, inferriate, ringhiere, recinzioni, arredo giardino, arredo interno, oggettistica varia. Ne rimase  talmente entusiasta da mandare suo figlio Leno a specializzarsi in quest’arte e diventarne maestro.

Dopo studi brillanti, Leno ha conseguito una pagella invidiabile, tanto da essere invitato a corte a prestare questo servizio al re che, oltre ai richiesti collaboratori, offriva ambiente e arredi necessari all’esecuzione di quest’arte.

L’apprezzato e neo maestro arriva a corte…vi trova ambiziosi progetti sognati dal re.

Ma il giorno di inaugurazione, accadde la cosa più strana e più assurda che si potesse immaginare: Leno, tutto aveva imparato alla perfezione…ma – ecco l’assurdo –  non sapeva, non aveva appreso il modo di accendere il fuoco.

Lì per lì…si rivolse all’intorno, ai presenti e a tutti i paesani, ma nessuno, proprio nessuno e nemmeno suo padre, sapeva accendere il fuoco; fu il fallimento della sua arte; un’arte stupenda quella del fabbro; ma se il fuoco è spento, l’arte può essere bella, ma senz’anima. Senza l’anima il corpo è morto, senza il fuoco il mondo è spento. Senza il calore non si cuoce il pane, non nasce famiglia, non vive convento.

Grazie alla sconfitta Leno confida d’aver appreso l’arte di tutte le arti: “accendere la mia vita con il fuoco piovuto sulla terra a Pentecoste per far vivere in me l’arte e l’artista”.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione