Dolore del Papa per lo tsunami che ha colpito l’isola indonesiana di Giava

CITTA’ DEL VATICANO, mercoledì, 19 luglio 2006 (ZENIT.org).- Benedetto XVI ha manifestato pubblicamente il proprio dolore per la notizia dello tsunami che ha provocato 525 morti nell’isola indonesiana di Giava, secondo dati provvisori.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

In un telegramma di condoglianze inviato alle autorità ecclesiastiche e civili attraverso il Cardinale Angelo Sodano, Segretario di Stato, il Papa “assicura a tutte le persone coinvolte la sua vicinanza nella preghiera”.

“Raccomanda le vittime alla misericordia amorevole dell’Onnipotente – aggiunge il testo –, e invoca sulle loro famiglie in lutto le benedizioni divine della forza e della consolazione. Sua Santità prega anche per quanti sono impegnati nelle operazioni di recupero e per tutte le persone coinvolte nel fornire assistenza alle famiglie sfollate, incoraggiandoli a perseverare nei loro sforzi di portare sollievo e aiuto”.

Ricevuta la notizia della tragedia, Karina–KAS (Caritas Indonesia–Conferenza Episcopale) ha mobilitato i propri volontari per offrire aiuto alle vittime.

Cinque veicoli dotati di equipaggiamento medico, tende da campeggio e strutture logistiche per emergenze si sono recati, nelle ore successive al maremoto, a Parangtritis per prestare aiuti d’emergenza alle vittime.

Secondo dati della Caritas, 23.000 persone hanno perso la loro casa, 500 imbarcazioni da pesca sono scomparse e almeno altre 650 sono danneggiate.

Karina–Kas ha reso noto martedì che almeno 5.000 persone si trovano già nel campo di rifugiati di Cilacap.

Le squadre di Caritas Germania e dei Catholic Relief Services (Caritas nordamericana), presenti a Jogya dal terremoto del maggio scorso, stanno aiutando la Caritas locale a realizzare un primo bilancio di questa nuova emergenza.<br>
Il 27 maggio, un sisma del grado 6,2 della scala Richter ha provocato la morte di 5.700 persone a Giava.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione