Dona Adesso

Un nuovo umanesimo per superare la deriva antropologica

Alla presentazione del VI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa di ieri si è discusso di uteri in affitto, mercato eugenetico, bambini e mamme venduti al mercato delle nascite in provetta

Parlando di Papa Francesco, Costalli ha rilevato che i suoi insegnamenti si pongono in continuità dottrinale con quelli dei precedenti Pontefici, anche se il Papa argentino “ha espresso un sentire diverso, ha accentuato aspetti nuovi, ha indicato nuove esigenze di evangelizzazione”.

In merito al tema prescelto, il presidente del Mcl ha spiegato invece che “le principali rivoluzioni in atto passano soprattutto da una revisione, spesso contraria al progetto di Dio, della natura e del ruolo della donna”. Il riferimento è “ai noti pungenti temi della procreazione, della maternità, dell’identità sessuale, del gender, delle ‘nuove famiglie’, della filiazione”.

“Certamente – ha detto Costalli – l’argomento della conciliazione dell’impegno familiare con quello lavorativo rimane un tema caldo anche oggi, ma di secondaria importanza rispetto a quelli più dirompenti della fecondazione eterologa o dell’utero in affitto”.

Per spiegare quanto certe ideologie stiano minacciando il ruolo e l’identità femminile, è intervenuta l’onorevole Eugenia Roccella che ha esordito ricordando una foto postata sui social network in cui due uomini, a torso nudo, festeggiano commossi la nascita di un bambino appena nato. Si tratta di una coppia omosessuale che ha ottenuto un bambino grazie all’utero in affitto.

Nella stessa foto si nota da una parte la mamma vera del bambino, stravolta dal parto, per nulla allegra. Con questa pratica, infatti, ha sottolineato Roccella, “il rapporto unico tra madre e figlio è stato spezzato. L’amore materno cancellato. L’utero in affitto ha fatto sì che la nascita di un bambino o di una bambina da progetto è diventato un prodotto che si fa nei laboratori e si vende al mercato”. “In nome di certi diritti – ha aggiunto – la nascita viene derubricata, la mamma negata, e il ruolo femminile disumanizzato”.

Secondo l’onorevole, certe ideologie stanno “destrutturando l’umano, stravolgendo l’identità  e il ruolo della donna che da soggetto sta diventando sempre più oggetto, merce a disposizione del totalitarismo genetico”.

Presente anche mons. Fabiano Longoni, direttore dell’Ufficio della Conferenza Episcopale Italiana per i problemi sociali e il lavoro, il quale, nel suo intervento, ha parlato di umanesimo quale modo per superare la deriva antropologica moderna. Ha quindi fatto riferimento al prossimo convegno nazionale della Cei a Firenze che rifletterà proprio sul tema “In Gesù Cristo il nuovo umanesimo”.

A concludere l’incontro è stato il presidente dell’Osservatorio Internazionale cardinale Van Thuan, l’arcivescovo di Trieste Giampaolo Crepaldi, sottolineando quanti rischi si stanno correndo per inseguire utopie che stravolgono il ruolo e l’identità femminile.

Il presule ha rilevato anche che i rappresentanti cattolici in politica sono pochi e divisi. “E’ triste – ha detto – constatare che non si converga ma ci si frantumi. Se non si cambia strada la fede non avrà più’ niente da dire alla politica e la politica si allontanerà definitivamente dalla fede”.

Monsignor Crepaldi ha inoltre ricordato l’appello politico ai cattolici lanciato, attraverso il suo libro, a ricominciare a tessere una alleanza che abbia come fondamento la Dottrina Sociale della Chiesa. Proprio per questo, a settembre prenderà il via a Trieste una scuola di Dottrina Sociale, secondo esperienze simili attivate dalla Cei negli anni ’90.

“Sono iniziative necessarie perché la politica sta discutendo e legiferando su temi che potrebbero stravolgere il genere e le relazioni umane”, ha detto l’arcivescovo. E ha concluso ricordando che “in politica, oggi come ieri si gioca il futuro della società e delle famiglie”.

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione