Mosul, il Papa deplora il "vergognoso silenzio" del mondo "civilizzato"

Secondo quanto riferiscono alcune fonti, il Santo Padre avrebbe telefonato domenica scorsa al Patriarca dei siro cattolici

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

“Che vergogna per il silenzio del cosiddetto mondo civilizzato”. Sono queste le parole che papa Francesco avrebbe riferito al patriarca dei siro catolici Ignatius Youssef III Younan, nel corso di una telefonata intercorsa tra i due domenica scorsa e di cui dà notizia l’agenzia Sir citando il patriarcato siro cattolico.

Il Papa avrebbe chiamato il patriarca per “rassicurarlo che segue da vicino e con preoccupazione il dramma dei cristiani cacciati e minacciati nella città irachena di Mosul”. Le stesse fonti fanno sapere che “il patriarca Younan ha ringraziato il Papa e chiesto di intensificare gli sforzi con i potenti del mondo mettendoli davanti al fatto che nella provincia di Ninive si sta consumando una pulizia di massa basata sulla religione”.

Il Papa – sempre secondo queste fonti – ha dato la sua benedizione apostolica a tutto il popolo cristiano di Oriente, assicurando che sarà sempre presente nelle sue preghiere per la pace e la sicurezza. Nei giorni scorsi era stato proprio il patriarca Younan a dare notizia dell’incendio del palazzo episcopale dei siro-cattolici di Mosul da parte dei jihadisti dello Stato islamico.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione