Iraq: 1.000 famiglie cristiane lasciano Mosul in 24 ore

Aiuto alla Chiesa che Soffre invia 30.000 dollari per l’emergenza

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

MOSUL, giovedì, 16 ottobre 2008 (ZENIT.org).- Di fronte alla drammatica situazione che si vive nella città irachena di Mosul, dove i cristiani continuano ad abbandonare le proprie case per sfuggire alla violenza, l’organizzazione caritativa Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) ha deciso di inviare 30.000 dollari di aiuti per far fronte all’emergenza.

Nel weekend scorso, spiega un comunicato di ACS ricevuto da ZENIT, si è raggiunto il picco degli abbandoni della città da parte dei cristiani: più di 1.000 famiglie hanno lasciato Mosul nell’arco di 24 ore.

I cristiani hanno iniziato a fuggire dalla seconda città dell’Iraq il mese scorso, dopo che gli estremisti islamici hanno dato il via a una campagna di violenze e intimidazioni costringendo la gente a scegliere tra il convertirsi all’islam, l’essere uccisi o il vedere la propria casa devastata.

Secondo alcune stime, le persone uccise sarebbero 20, mentre almeno cinque case sono state fatte saltare in aria dopo che gli occupanti erano stati costretti ad andarsene per non aver accettato di convertirsi.

ACS sta inviando 30.000 dollari nelle città e nei villaggi cristiani fuori Mosul, dove gli sfollati si sono riuniti in grandi numeri.

Il presidente internazionale dell’organizzazione, Fr. Joaquin Alliende, ha affermato che i rapporti che si ricevono da Mosul “sono terribili e in un momento di crisi il sostegno che ACS sta fornendo è il minimo che può fare per aiutare”.

“ACS esiste per aiutare i nostri fratelli e le nostre sorelle che soffrono per la loro fede – e pochi stanno soffrendo più di quanti se ne vanno per le uccisioni, i bombardamenti e le continue intimidazioni che ha subito Mosul negli ultimi giorni”, ha osservato.

“Chiediamo a tutti gli amici e i benefattori di Aiuto alla Chiesa che Soffre di pregare Cristo che ha dato la propria vita per noi e che attraverso la sua resurrezione ci offre la vera speranza – ha aggiunto –. Preghiamo per tutti coloro che sono perseguitati in questo momento terribile”.

La risposta d’emergenza di ACS arriva dopo che l’Arcivescovo iracheno Louis Sako ha avvertito che gli sforzi compiuti dal Governo di Baghdad per fermare la violenza sono stati troppo esigui e sono arrivati in ritardo, e che l’esodo minaccia di estinguere la presenza cristiana a Mosul.

Le violenze contro i cristiani nella seconda città irachena sono state denunciate anche dall’organizzazione della Conferenza islamica (Oic), della quale fanno parte 57 Paesi musulmani.

Il suo presidente, Ekmeleddin Ihsanoglu, ha chiesto alle autorità di Baghdad di “perseguire i responsabili per porre fine alle sofferenze dei nostri fratelli cristiani e provvedere alla loro protezione”, ricorda “L’Osservatore Romano”.

Contemporaneamente all’appello dell’Oic, è arrivato l’annuncio da Baghdad dell’invio di una commissione governativa a Mosul per “muoversi rapidamente per dare sostegno agli sforzi in materia di sicurezza con massicce operazioni militari e per rassicurare i cittadini”, come ha dichiarato il portavoce del Governo.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione