Dona Adesso

La storia di un uomo, la storia di una generazione

Il romanzo “Le stagioni della Trabant” di Felice Maccaro, ripercorre la vicenda di tre giovani, negli anni della contestazione e dei grandi movimenti di massa

Le stagioni della Trabant (Chinaski Edizioni), di Felice Maccaro, è l’affascinante racconto di un periodo della vita di alcuni ragazzi, ricco di svolte e cambiamenti, la cui eco si farà sentire per il resto dei loro giorni.

L’autore fotografa tre ragazzi, attraverso i loro successi e fallimenti in una delle nostre Università. Già nelle prime pagine del romanzo l’autore ci guida attraverso il protagonista, con cinismo e disincanto, attraverso i resti degli anni della contestazione e dei grandi movimenti di massa, anni in cui la lotta per la supremazia tra blocco sovietico e blocco occidentale ha influenzato la vita di milioni di persone ma che ora sembrano sopravvivere solo per alimentare miseri interessi di parte.

Ciò che rende davvero avvincente il romanzo è il fatto che la storia raccontata attraversa e influenza tutti gli attori che si rapportano allo stesso periodo della vita, quello del passaggio dalla spensieratezza universitaria alla responsabilità di elementi produttivi della società. Questi sono mossi dai sentimenti più disparati: dall’ottimismo al terrore, dalla frustrazione alla celebrazione, dal cinismo all’esaltazione, ma sono tutti consapevoli del termine che si avvicina e che li costringerà a scegliere in una vita finalmente da adulti.

Il protagonista è Bartolomeo Gondrano. Egli dovrà affrontare il tema più importante della sua breve esistenza: scegliere fra le varie sfaccettature dell’amore quale meglio si accompagna al suo carattere. Come in un gioco d’azzardo avrà di fronte tre scelte possibili e una sola fiche da puntare. L’autore ha scelto di tratteggiare i differenti lati dell’attrazione con l’individuazione di tre distinte persone fisiche, ma potrebbero essere tranquillamente i tre lati del carattere di una sola donna.

Bartolomeo sarà attratto dalla libertà selvaggia, dalla lucida ragionevolezza e dalla calda tenerezza di tre colleghe universitarie e come sempre avviene, ogni calcolo, ogni premeditazione è destinata a fallire. Ove si poteva attendere compostezza troverà esplosioni di rancore e dove invece pensava di potersi ritirare come in un porto tranquillo troverà invece un’esplosione di violenza che lo ferirà in prima persona ma ancora più nell’intimo.

È interessante sottolineare, come ultima cosa, che anche in questo romanzo, Felice Maccaro, ha giocato con gli indizi e con le sovrapposizioni. Dal semplice riferimento a Orwell per il cognome del protagonista si passa ad una citazione sotto traccia per alcuni dei capitoli più belli del romanzo. Ad esempio tutto il capitolo Allegro feroce appare una elegante citazione della canzone di Fred Buscaglione Teresa non sparare, mentre il discorso fra Giulia e Bartolomeo all’interno del lido, appare come una citazione de Il conformista di Giorgio Gaber.

***

Nota: le percentuali sulle vendite del romanzo Le stagioni della Trabant saranno interamente devolute al Convento di San Francesco a Folloni di Montella che ha bisogno di importanti lavori di ristrutturazione.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione