Dona Adesso

I candidati al Pontificato per continente

Crescono le quotazioni del cardinale Angelo Scola candidato dell’Europa

L’Europa ha il numero più grande di cardinali elettori: 60, sono anche i più anziani, sembrano divisi sulle scelte e la Chiesa europea è quella più in crisi. Non sembra esserci un vero e proprio candidato condiviso, anche se il più forte alla prima votazione, quello cioè che potrebbe raccogliere più voti, è il cardinale Angelo Scola, 71 anni, arcivescovo di Milano, allievo di don Giussani e di Joseph Ratzinger.

Il gruppo degli italiani è quello più numeroso, 28 cardinali elettori. Forse non tutti voteranno Scola, ma aggiungendo il voto dei cardinali dell’Est Europa e di altri simpatizzanti, si pensa che nelle successive votazioni l’arcivescovo di Milano potrebbe raggiungere la soglia dei 40 voti.

L’Africa dispone di 11 cardinali elettori. I giornali ed i bookmaker indicano il cardinale del Ghana, Peter Kodwo Appiah Turkson, 64 anni, presidente del Pontificio Consiglio di Giustizia e Pace, anche se il candidato africano che gode dei maggiori consensi è Robert Sarah, 67 anni, presidente di Cor Unum e coordinatore delle attività caritatevoli della Chiesa nel mondo.

Il Nord America, con 14 elettori, ha come miglior candidato Sean Patrick O’Malley, 68 anni, arcivescovo di Boston, frate cappuccino di origini irlandesi. L’Asia dispone di dieci voti e si presume che andranno in prima votazione all’arcivescovo di Manila di origini cinesi, Louis Antonio Gokim Tagle, 56 anni.

L’America Latina, con 11 elettori, sembra essere orientata a convergere su Pedro Scherer, brasiliano arcivescovo di San Paolo, nato da genitori tedeschi, di 64 anni. Infine, l’Oceania ha un solo e unico votante: il cardinale George Pell, 71 anni.

Secondo i bookmakers i candidati più probabili sono il cardinale Angelo Scola dato a 3,75, e l’africano Peter Turkson dato a 4,00. In recupero il cardinale O’Malley che è passato da 26 a 34. Crescono i consensi anche per Luis Antonio Gokim Tagle, il 12% degli scommettitori ha scelto il cardinale filippino, offerto a 21,00.

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione