Basta un po’ di calore

Perché i figli si sciolgano basta pazientare un po’, immergendoli nel tepore dell’ambiente domestico

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

Pino mi invita a cenare in casa sua. Intendeva creare un’occasione d’incontro per chiarire e approfondire problemi della sua famiglia composta da papà, mamma e tre figli, quindici, diciassette e vent’anni.

Dopo i primi convenevoli il discorso cade dove il dente duole: le mille preoccupazioni che i figli danno ai genitori, sulla opportunità o meno di correggerli e se per correggerli con profitto non sia necessario scuoterli, almeno di tanto in tanto, con qualche severa minaccia.

A parlare è soprattutto Lino, il padre che aveva tante cose da dire. Lamentava la freddezza dei rapporti con i figli, elencava una lunga serie di fallimenti nei suoi tentativi di mettere ordine in casa. “Sembra proprio – si rammaricava – che siano tutti e tre d’accordo a fare esattamente il rovescio di quello che domando. Non reagiscono nemmeno quando li scuoto”.

A metà della cena il diciassettenne, Alfio, s’accorge che manca l’acqua e corre nel frigo a prenderne una bottiglia che mette subito al centro della tavola. Mamma Maria la stappa e la versa cortesemente nel mio bicchiere…Ma non ne esce nemmeno una goccia. Scuote e riscuote la bottiglia…versa…ma non c’è verso…non una goccia. “Ecco – esclama il papà – proprio come si comportano i miei figli: chiedo e non danno nulla, nemmeno una goccia”.

Mentre la moglie sorpresa e confusa manovra la bottiglia scuotendola, “Maria – interviene Pino sfoderando tutta la sua saggezza – non vedi che l’acqua nella bottiglia è ghiacciata? Per farla sciogliere basta pazientare un pò; è perfettamente inutile scuoterla. Lasciala qualche minuto a temperatura ambiente e la potremo bere.”

“Proprio così, Pino. Hai detto bene. Proprio così anche nella tua famiglia come in tutte le altre. Forse anche con i tuoi figli si sono ghiacciati i rapporti. Non serve scuoterli con glaciale severità, né tanto meno minacciarli. Perché i figli si sciolgano basta pazientare un po’, immergendoli nel tepore dell’ambiente domestico. È necessario il calore della famiglia. Nel clima di questo amore, pian piano, crescono e rispondono donandoti enormi soddisfazioni”.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

Andrea Panont

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione