“Pellegrini in comunione con la Cattedra di Pietro”

Il Cardinale Bagnasco rinnova il “collegialis affectus” dei Vescovi al Papa

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

di Antonio Gaspari

ROMA, mercoledì, 10 novembre 2010 (ZENIT.org).- “Siamo qui pellegrini, per esprimere e far crescere (…) la nostra cordiale e grata comunione con il Successore di Pietro”. Lo ha detto il 10 novembre, nella Basilica inferiore di Assisi, il Cardinale Angelo Bagnasco, Arcivescovo di Genova e Presidente della Conferenza Episcopale Italiana (CEI), nel corso dell’omelia della celebrazione eucaristica per la 62° Assemblea generale della CEI.

Sulla tomba di San Francesco, il Presidente della CEI ha ricordato che è “meta di fede e di preghiera per il nostro popolo, che affascina giovani e adulti, terra che rigenera fiducia e propositi”.

In questo ambito particolare l’Arcivescovo di Genova ha ringraziato “la nostra gente per quanto ci dona di affetto e di stima, di attenzione e di vicinanza: loro sanno che la Chiesa è mandata dal Signore accanto a tutti per condividere le vicende quotidiane e il loro mondo interiore”, ed ha sottolineato che “il divino Maestro ci invia tra le case degli uomini” per ribadire che “nessuno è solo, gettato per caso sulla scena del mondo e destinato al buio della morte e del nulla, ma che Dio vive”.

Il porporato ha affermato: “Siamo qui pellegrini come Corpus Episcopale di questo amato Paese, (…) per esprimere e far crescere, immersi nella sorgente eucaristica, la nostra cordiale e grata comunione con il Successore di Pietro, il nostro ‘collegialis affectus’ di Vescovi, sapendo che quanto più crescono questi vincoli di fede e di amore, tanto più il nostro servizio al Popolo di Dio sarà utile e fecondo per le anime e la società intera”.

Facendo riferimento alla santità di Francesco, il Presidente della CEI ha ringraziato il Pontefice Bendetto XVI perchè “con il suo Magistero chiaro e mite, con l’esempio della sua semplicità disarmata e disarmante, ci precede in questa luminosa via della conversione che è la più vera, efficace e urgente risposta a quest’ora drammatica e affascinante”.

L’amore di Dio “ci ha salvati, non per opere giuste da noi compiute, ma per la sua misericordia”, ha aggiunto. E i Vescovi sono “testimoni di questa apparizione della bontà e dell’amore di Dio” testimoni e maestri autentici “in virtù della successione apostolica nella quale siamo stati immessi per grazia”.

Il porporato ha quindi invitato i Vescovi a rinnovare ogni giorno la vocazione di testimonianza “ritornando all’esperienza viva di questo essere salvati per la misericordia di Cristo” perchè “è il saperci salvati che fa le nostre persone trasparenti e la nostra vita diversa pur nell’uguaglianza di tutti”.

A questo proposito il Cardinale Bagnasco ha fatto riferimento al Pontefice che all’inizio di questa 62° Assemblea generale ha detto: “Alziamo il capo e lasciamoci guardare negli occhi da Cristo, unico Maestro, Redentore”.

“Alziamo gli occhi verso di Lui – ha concluso il Presidente della CEI -, cerchiamo sempre il suo sguardo: nella divina Liturgia quel volto si manifesta a noi in modo speciale, si china e si apre misericordioso, confidente ed amico. Si fa vedere e toccare! Gli altri, guardandoci, allora potranno cogliere un riflesso, quasi un bagliore, dello sguardo di Dio. E si accenderà, allora, una nuova luce”.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione