Dona Adesso

Riemerge l’incubo eugenetico

In Oregon, il Family Research Council denuncia esperimenti di clonazione umana

Per la clonazione sono stati utilizzati ovuli femminili e cellule umane. Gli embrioni umani sono stati poi distrutti per estrarre le cellule staminali.

A denunciare la clonazione è stata l’associazione statunitense Family Research Council (http://www.frc.org/stemcells). Si tratterebbe della prima volta che si clona e poi si fa crescere un embrione umano per poi estrarre le cellule staminali embrionali.

Un tentativo in tal senso era stato annunciato nel 2004 e nel 2005 dal dottore coreano Hwang Woo-Suk. Il tutto si era poi rivelata una colossale frode.

E’ stato il “journalCell” nella edizione online a riportare l’avvenuta clonazione con successiva distruzione e estrazione di cellule staminali. Nel riferire della clonazione  il “journalCell” racconta che sono stati utilizzati ovuli di qualità “premium”.

Il dott. David Prentice del Family Research Council (FRC), ha detto: “E’ una grande preoccupazione vedere che alcuni scienziati stanno ancora portando avanti la clonazione umana. Una pratica che porta ad una ingegneria umana altamente pericolosa, prospettando scenari simili a quelli descritti nel romanzo di Aldous Huxley Il mondo nuovo”.

Secondo il dott. David Prentice, la clonazione degli embrioni è pericolosa e disumana. Per quanto riguarda l’utilizzo delle cellule staminali, l’esponente del FRC ha spiegato che è molto più facile e più efficace ottenere le ‘cellule staminlai pluripotenti’ dalla pelle o dai tessuti di persone adulte.

“Le cellule staminali adulte – ha precisato Prentice –  sono più efficaci per il trattamento dei pazienti. Più di 60.000 persone nel mondo ricevono cellule adulte ogni anno per trapianti e per curare almeno una dozzina di gravi malattie”.

Le tecniche di clonazione, oltre ad essere eticamente inaccettabili, necessitano di ovuli prodotti con tecniche di iperstimolazione che sono pericolose per la salute delle donne che si sottopongono alle cure con ormoni.

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione