Dona Adesso
Cardinal Béchara Boutros Raï

ACN - Aid to the Church in Need

Il cardinale Rai a Damasco: “Non perdere la speranza. Noi patriarchi siamo con voi”

Il porporato partecipa all’assemblea annuale dei patriarchi orientali che quest’anno si tiene in Siria e non in Libano, per rassicurare i cristiani di tutte le Chiese. Possibile visita a Maaloula

Con grande emozione i maroniti di Damasco hanno accolto ieri il patriarca Beshara Rai. Nonostante alcune obiezioni, il cardinale – spiega l’agenzia AsiaNews – è giunto nella città su richiesta del patriarca greco-ortodosso Giovanni X Yazigi, per partecipare oggi all’assemblea annuale dei patriarchi orientali che si tiene alla presenza di tutti i patriarchi che si riferiscono ad Antiochia. Si tratta, cioè, del patriarca greco-ortodosso Giovanni X Yazigi, del greco-cattolico Gregorio III; di quello siriaco-ortodosso Ignace Ephrem II Karim; del siriaco-cattolico Ignace Joseph III Yonan.

L’incontro annuale si tiene di solito in Libano, ma per rassicurare i cristiani di tutte le Chiese e di comune accordo, i capi religiosi hanno scelto di tenerlo quest’anno a Damasco. “Tutti i giorni, con la preghiera, sono a Damasco. Io porto la sua causa ovunque vada e con tutti quelli che incontro”, ha confidato Rai alla gente comune e ai dignitari religiosi che lo hanno avvicinato. L’urgenza è evidente: la Siria è messa in ginocchio dallo Stato islamico, dal Fronte al-Nusra e da altri gruppi armati. Si pensa che circa 12 milioni di siriani siano sfollati.

Il cardinale Rai – riferisce ancora AsiaNews – si è recato all’ospedale francese di Damasco, poi nella cattedrale di S. Antonio dei maroniti a Bab Touma, dove lo attendevano il patriarca Giovanni X e Ignace Ephrem II, il nunzio apostolico in Siria, mons. Mario Zenari, e una folla numerosa di fedeli.

Nella sua omelia, il patriarca maronita ha spiegato il carattere pastorale della sua visita: “Vogliamo riflettere insieme, unire i nostri pensieri, parole e azioni per portare insieme la cura del nostro popolo in Siria e in Iraq, come in tutti i Paesi del Medio oriente, dove esso soffre, nella speranza che alla passione del Venerdì Santo, segua il terzo giorno della Resurrezione”

“Molti – ha proseguito – hanno versato il loro sangue, molti sono morti come martiri, ma il loro sangue non è stato versato invano. Molti sono stati spinti all’esodo. Si parla di 12 milioni di siriani sfollati. Anche per loro le sofferenze non sono vane. Dio è il [vero] Signore della storia e non i troni di questo mondo. Noi siamo innestati in oriente di fronte ad assurde strategie di guerra, distruzione, di morte e sradicamento di ogni tipo di speranza dal cuore delle persone. Ma abbiamo pazienza e non perdiamo la speranza”.

“Unisco la mia voce a quella di papa Francesco, che non lascia passare settimana senza pregare per la pace in Siria – ha ripreso il patriarca Rai – perché il mondo è pieno di malizia e vi è bisogno di redenzione. Il prezzo del riscatto è pagato dagli innocenti…”. “Noi patriarchi – ha soggunto – siamo con voi, al vostro fianco, davanti a voi, con voi nella preghiera: portiamo la causa di tutti i cristiani, dei popoli della Siria, d’Irak, di Palestina, dello Yemen e di ogni Paese che soffre. Siamo qui, come in Libano, come a Roma. Noi cinque patriarchi orientali siamo qui per pregare per la pace. Preghiamo per la pace in Siria e nella regione, preghiamo per la coscienza di morte del mondo. Preghiamo per un regolamento pacifico della crisi siriana e perché i siriani, cristiani e musulmani, restino attaccati alla loro terra; per il ritorno a casa loro, nella dignità, di coloro che la guerra ha sradicato. Non perdete mai la vostra speranza!”.

Prima di rientrare in Libano, Beshara Rai potrebbe visitare il villaggio di Maaloula, dove si parla ancora la lingua aramaica che si usava ai tempi di Cristo. Lo scorso anno, questo storico villaggio era stato conquistato dai jihadisti e poi ripreso dall’esercito siriano. Le sue chiese e le sue abitazioni danneggiate dalla guerra sono oggetto di ricostruzione.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione