Dona Adesso
Refugee children from Syria at a clinic in Ramtha

WIKIMEDIA COMMONS

Chiese d’Oriente insieme per pregare per la pace in Siria

L’incontro ecumenico sabato scorso, a Maarrat Saidnaya, a 30 km da Damasco, alla presenza di tutti i patriarchi d’Antiochia

Una preghiera per la pace in Siria, per la liberazione dei due vescovi di Aleppo rapiti nell’aprile 2013 – il siro-ortodosso mar Gregorios Yohanna Ibrahim e il greco-ortodosso Boulos Yazigi – e per chiedere al Signore che “le Chiese di Antiochia possano vivere insieme una comune testimonianza a Cristo in questa regione”.

Uniti da questo comune anelito i patriarchi di Antiochia, su invito del patriarca Ignatius Aphrem II, hanno partecipato sabato scorso ad un incontro ecumenico, svoltosi alla fine del Sinodo della Chiesa siro-ortodossa celebrato a Maarrat Saidnaya, villaggio a trenta chilometri da Damasco. All’invito hanno aderito anche altri tre patriarchi che portano il titolo di Antiochia: il patriarca greco-ortodosso Yohanna X, il patriarca greco cattolico Grègoire III e il patriarca siro cattolico Ignace Youssef III.

Tutti gli ospiti – informa Fides – sono stati accolti presso la cattedrale siro-ortodossa dedicata ai Santi Pietro e Paolo, e hanno preso parte a una preghiera ecumenica e quindi ad un incontro per confrontarsi sulla necessità di affrontare insieme le emergenze vissute dalle comunità cristiane mediorientali.

​Nella serata di sabato, insieme a vescovi e rappresentanti di altre Chiese, hanno poi preso parte ad una commemorazione comune del centenario del cosiddetto “Genocidio Assiro”, a 100 anni dalle stragi sistematiche di cristiani siri, assiri e caldei compiute in Anatolia su istigazione del governo dei Giovani Turchi. La commemorazione ecumenica è avvenuta con l’inaugurazione di un monumento nei pressi del monastero siro-ortodosso di Sant’Efrem, dedicato a Sant Efrem, sempre a Maarrat Saidnaya. 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione