È la fede che guarisce e resuscita!

Durante l’Angelus, Papa Francesco dissipa i dubbi sulla Risurrezione e invita i fedeli a credere nell’amore del Signore

Share this Entry

“Crediamo che Gesù ci può guarire e ci può risvegliare dalla morte?”. Questa la domanda che papa Francesco ha rivolto alle decine migliaia di persone che affollavano oggi piazza San Pietro per la preghiera dell’Angelus. Durante la sua catechesi, il Pontefice ha spiegato che i due episodi raccontati dal Vangelo di oggi, una guarigione e una risurrezione, hanno un unico centro: la fede.

Le storie raccontate dal Vangelo parlano della risurrezione di una ragazzina di 12 anni, figlia di uno dei capi della sinagoga (Mc 5,23) e della guarigione di una donna che da 12 anni soffriva di perdite di sangue. “A causa di questa malattia che, secondo la cultura del tempo, la rendeva ‘impura’, ella doveva evitare ogni contatto umano”, ha spiegato il Papa. E ha esclamato: “Poverina, condannata ad una morte civile. Questa donna anonima, in mezzo alla folla che segue Gesù, dice tra sé: ‘Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata’”. 

“Tutto il Vangelo – ha soggiunto – è scritto nella luce di questa fede: Gesù è risorto, ha vinto la morte, e per questa sua vittoria anche noi risorgeremo. Ed anche se “questa questa fede, che per i primi cristiani era sicura, può appannarsi e farsi incerta, al punto che alcuni confondono risurrezione con reincarnazione”, bisogna esseri certi della risurrezione, ha assicurato il Santo Padre.

“Gesù è il Signore, Gesù ha potere sul male e sulla morte, e vuole portarci nella casa del Padre, dove regna la vita. E lì ci incontreremo tutti, tutti noi che siamo qui in piazza oggi, ci incontreremo nella casa del Padre, nella vita che Gesù ci darà”, ha proseguito. Ha poi rimarcato che “la Risurrezione di Cristo agisce nella storia come principio di rinnovamento e di speranza”, e che, anche chi è disperato e stanco fino alla morte, “se si affida a Gesù e al suo amore può ricominciare a vivere”.

Si può sempre cominciare una nuova vita, perché cambiare vita è un modo di risorgere, di risuscitare, ha affermato Bergoglio. E ha concluso ribadendo che “la fede è una forza di vita, dà pienezza alla nostra umanità; e chi crede in Cristo si deve riconoscere perché promuove la vita in ogni situazione, per far sperimentare a tutti, specialmente ai più deboli, l’amore di Dio che libera e salva”.

Al termine della sua catechesi, Francesco ha invocato l’intercessione della Vergine Maria, affinché attraverso di lei possiamo “godere del dono di una fede forte e coraggiosa”, e affinché “ci spinga ad essere diffusori di speranza e di vita tra i nostri fratelli”.

Per leggere il testo completo delle parole di papa Francesco si può cliccare qui.

Share this Entry

Antonio Gaspari

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione