Vescovo irlandese: il sacerdote accusato non era un assassino di massa

DERRY (Irlanda del Nord), martedì, 31 agosto 2010 (ZENIT.org).- Il Vescovo emerito di Derry, monsignor Edward Daly, ha lamentato le conclusioni apparse sui mezzi di comunicazione per le quali un sacerdote coinvolto recentemente in un rapporto della polizia sull’attentato di Claudy nel 1972 sarebbe colpevole di un assassinio di massa.

In un articolo pubblicato questo lunedì sull’Irish News, il Vescovo Daly ha risposto a un rapporto pubblico del mediatore di polizia dell’Irlanda del Nord pubblicato il 24 agosto sull’attentato perpetrato il 31 luglio 1972.