Creata una pagina per rilanciare il Concilio Vaticano II

Vi partecipano teologi, Cardinali e Vescovi

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

di Nieves San Martín

MILANO, mercoledì, 27 gennaio 2010 (ZENIT.org).- Per rilanciare il Concilio Vaticano II, la Fondazione Ambrosianeum ha promosso un portale Internet presentato questo martedì a Milano.

Il nuovo portale (www.vivailconcilio.it) vuole conservare la memoria e i contenuti e far conoscere ai giovani questo avvenimento che ha portato la Chiesa cattolica verso il terzo millennio.

Il progetto ha coinvolto importanti teologi, Cardinali e Vescovi. Il Comitato promotore è formato, tra gli altri, dal Cardinale Carlo Maria Martini, che è stato Arcivescovo di Milano, dal Cardinale Roberto Tucci, ex organizzatore dei viaggi papali nel mondo, e dal Vescovo Luigi Bettazzi, che ha partecipato assieme agli altri al Concilio Vaticano II.

Tra i promotori ci sono anche teologi come Piero Coda, presidente dell’Associazione Teologica Italiana.

Sostegno all’iniziativa è stato espresso dai Cardinali Roger Etchegaray, Silvano Piovanelli, Achille Silvestrini e Dionigi Tettamanzi, così come da una ventina di Vescovi, tra cui il noto teologo Bruno Forte, e da monsignor Loris Capovilla, che è stato segretario di Papa Giovanni XXIII.

Sul portale – presentato nel giorno in cui 51 anni prima Papa Giovanni XXIII aveva annunciato la convocazione del Concilio – si potranno consultare tutti gli interventi magistrali, le letture teologiche e altre iniziative e documenti collegati all’evento.

Si potranno anche vedere fotografie, immagini e altri formati multimediali sul Concilio, tutto perché le persone lo capiscano, spiegano i promotori.

Il portale illustra nella sua pagina iniziale la sua ragion d’essere: “’Viva il Concilio’ è anzitutto espressione di ringraziamento, poiché lungo i secoli della sua storia alla Chiesa non è mai venuta meno l’assistenza dello Spirito Santo. Nel caso del concilio Vaticano II, ancora una volta, lo Spirito di Dio non ha lesinato i suoi doni, versandoci in grembo ‘una misura buona, pigiata, scossa e traboccante’ (Lc 6,38b). Deo gratias”.

“’Viva il Concilio’, oltre ad essere una benedizione, costituisce una promessa: solo a condizione di rinnovare la fedeltà e la verità di quell’evento spirituale sarà possibile per la Chiesa cattolica disporre dei doni ricevuti e tenerne viva la memoria. In modo tenace Paolo VI ha richiamato il dovere ecclesiale della ‘fedeltà al Concilio’, poiché trattandosi di un evento che chiama in causa la responsabilità apostolica, prima ‘dobbiamo comprenderlo’ poi ‘dobbiamo seguirlo’”.

“’Viva il Concilio’ è un compito che si fonda sulla memoria, impegna il presente e apre alla profezia. Occorre ‘ricordare che il Concilio scaturì dal grande cuore del papa Giovanni XXIII […] Noi tutti siamo davvero debitori di questo straordinario evento ecclesiale’ (Benedetto XVI). Per questo, la lezione dell’ultimo Concilio dev’essere accolta come ‘la grande grazia di cui la Chiesa ha beneficiato nel secolo XX: in esso ci è offerta una sicura bussola per orientarci nel cammino del secolo che si apre’ (Giovanni Paolo II)”.

“’Viva il Concilio’ vuol essere, per ultimo, un sito web – promosso da Giacomo Canobbio, Piero Coda, Severino Dianich, Massimo Nardello, Gilles Routhier, Marco Vergottini, con i Cardinali Carlo M. Martini e Roberto Tucci, e il Vescovo Luigi Bettazzi. Vi si troveranno a) fonti; b) interventi magisteriali; c) saggi teologici; d) iniziative (testi, video, convegni e pubblicazioni), utili per sollecitare il popolo di Dio a leggere e interpretare ‘nel cono di luce del Concilio’ (Paolo VI) l’agire e la testimonianza ecclesiale nell’oggi della storia”.

Il comitato promotore di “Viva il Concilio” è composto da Giacomo Canobbio (Brescia); Piero Coda (Loppiano); Severino Dianich (Pisa); Massimo Nardello (Modena); Gilles Routhier (Québec); Marco Vergottini (Milano, coordinatore); dal Cardinale Carlo Maria Martini, dal Cardinale Roberto Tucci e da monsignor Luigi Bettazzi.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione