Bilancio positivo a vent'anni dalla “Mulieris dignitatem”

Parla Rocío Figueroa, promotrice del Congresso mondiale sulla donna in Vaticano

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

Di Miriam Díez i Bosch

CITTA’ DEL VATICANO, venerdì, 8 febbraio 2008 (ZENIT.org).- Da quando Giovanni Paolo II ha scritto la Lettera Apostolica Mulieris dignitatem, vent’anni fa, il bilancio è “positivo” e “bisogna essere contenti perché si è fatto già molto per la donna”.

Lo rivela a ZENIT Rocío Figueroa, responsabile del settore donna del Pontificio Consiglio per i Laici, nel contesto del Congresso vaticano “Donna e uomo, l’humanum nella sua interezza”, in svolgimento a Roma fino a sabato.

L’iniziativa riunisce donne di tutto il mondo per riflettere insieme agli uomini, alcuni dei quali Cardinali, Vescovi e sacerdoti, sulla reciprocità e la complementarietà tra uomo e donna.

La Figueroa ha spiegato che “la donna, a poco a poco, sia nella storia che nella stessa Chiesa, ha aiutato in questo processo di prendere coscienza della propria dignità”.

La rappresentante del Dicastero vaticano fa notare che “in primo luogo stiamo celebrando un evento importantissimo” perché si tratta di un documento dedicato dalla Chiesa “totalmente alla donna”.

“Attualmente, per promuovere la donna è necessario anche parlare dell’uomo, si deve parlare della complementarietà, della reciprocità tra uomo e donna”.

“Le nuove tendenze culturali – ha aggiunto – mirano spesso da un lato a generare un conflitto tra uomo e donna, dall’altro a eliminare le differenze tra di loro”.

“Credo che ci troviamo in una tappa in cui la Chiesa debba dare un messaggio positivo, di riconciliazione, di sintesi, di reciprocità tra uomo e donna per costruire ed edificare la società ed edificare la Chiesa”, ha affermato.

La Figueroa, dottore in Teologia, ha rilevato inoltre che sottolineando “la sua missione nell’ambito familiare e privato” si è rimarcato che la donna “deve essere responsabile e protagonista nella società, nei vari ambiti della cultura, nella Chiesa stessa”.

Ovviamente, non tutto è positivo: “credo che ci sia ancora molto da fare, che ci siano ancora molti Paesi del mondo, molte situazioni difficili in cui il concetto di donna viene sminuito”.

Per questo, spiega, il Congresso cerca di analizzare cosa si debba fare “in vari luoghi” perché “la donna prenda coscienza della sua vocazione e della sua missione nella Chiesa e nella società”.

“Il Pontificio Consiglio per i Laici è consapevole del fatto che la metà dei cattolici è costituita da donne”; “le chiese sono sempre piene di donne”.

Rocío Figueroa ha rivelato che “il Papa è contento dell’iniziativa” e questo sabato riceverà i partecipanti al Congresso. “Attendiamo tutti le sue parole perché credo che il suo messaggio arriverà a tutte le donne del mondo”.

I partecipanti sono 260, di 46 Paesi, 40 Conferenze Episcopali e 16 associazioni femminili cattoliche. Tra i presenti, Janne Haaland Matlary, Blanca Castilla de Cortázar e Hanna Barbara Gerl-Flakovitz.

[Traduzione dallo spagnolo di Roberta Sciamplicotti]

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione