Dona Adesso
Cardinal László Paskai

WIKIMEDIA COMMONS

Scomparso il cardinale László Paskai, arcivescovo emerito di Esztergom-Budapest

Il porporato ungherese, dell’Ordine dei francescani minori, aveva 88 anni

È scomparso oggi, a 88 anni, il cardinale László Paskai, O.F.M., arcivescovo emerito di Esztergom-Budapest (Ungheria). Lo rende noto la stessa diocesi ungherese. In un messaggio in inglese, inviato all’ arcivescovo di Budapest Péter Erdő, Papa Francesco esprime tutto il suo cordoglio per la morte del porporato e offre “oranti condoglianze a voi, il clero, religiosi, le religiose e i laici dell’Arcidiocesi di Esztergom-Budapest”, ringraziando Dio Onnipotente per i “molti anni di servizio alla Chiesa in Ungheria” del cardinale. “Nel raccomandare la sua anima all’amore misericordioso del Padre – scrive il Pontefice – e unendosi spiritualmente a tutti coloro che sono riuniti per i solenni funerali, imparto la mia Apostolica Benedizione, quale pegno di consolazione e di pace nel Signore”. 

Il cardinale Paskai era nato a Szeged, nella zona sud-orientale dell’Ungheria, l’8 maggio 1927. Entrato nell’Ordine dei francescani minori, ha iniziato gli studi teologici a Gyoongyos, concludendoli presso il Seminario centrale di Budapest. Ordinato sacerdote il 3 marzo 1951, ha svolto il ministero sacerdotale nella diocesi di Nagyvárad. L’anno successivo ha conseguito il Dottorato in teologia presso l’Accademia di Budapest, quindi è tornato nella sua città natale con l’incarico di cerimoniere del vescovo. Dal 1955 al 1962 ha svolto il compito di insegnante – era stato nominato professore di teologia e filosofia nel Seminario di Szeged – e quello di bibliotecario. È stato anche Prefetto del Seminario interdiocesano e poi, dal 1962, direttore spirituale e professore di filosofia, di ascetica e di liturgia.

Trasferito nel 1965 al Seminario centrale di Budapest sempre in qualità di direttore spirituale, nel 1967 gli è stata affidata la cattedra di filosofia presso l’Accademia Teologica. Nel 1973 gli è stato affidato l’incarico di rettore dello stesso Seminario centrale. Il 2 marzo 1978, Paolo VI lo ha eletto vescovo titolare di Bavagaliana, nominandolo nello stesso tempo amministratore apostolico di Veszprém. Ha ricevuto l’ordinazione episcopale il 5 aprile dello stesso anno. Il 31 marzo 1979, ha assunto il governo pastorale dell’antica diocesi di Veszprém, fondata nel 1009.

Dopo circa tre anni di governo pastorale, il 5 aprile del 1982 è stato promosso da Giovanni Paolo II come arcivescovo coadiutore di Kalocsa. Eletto poi presidente della Conferenza Episcopale ungherese l’8 luglio 1986 mantenne questo incarico fino al 1990. Il 3 marzo 1987 è stato trasferito alla sede Metropolitana di Esztergom, fondata nel X secolo dal re Santo Stefano. Ha preso possesso dell’arcidiocesi e quindi anche del titolo di Primate d’Ungheria ad essa associato il 25 aprile successivo, durante una solenne cerimonia. Dal 7 dicembre 2002 è divenuto arcivescovo emerito di Esztergom-Budapest. Fu creato cardinale da Giovanni Paolo II nel Concistoro del 28 giugno 1988, con il titolo di Santa Teresa al Corso d’Italia.

Con la morte di Paskai, il Collegio cardinalizio in Vaticano conta adesso 219 porporati, di cui 120 elettori del Papa e 99 non elettori.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione