Dona Adesso
Mons. Bruno Forte

WIKIMEDIA COMMONS

Cattolici e ortodossi. Mons. Forte: “Riconciliazione ora più vicina”

La soddisfazione dell’arcivescovo di Chieti-Vasto, a conclusione dell’incontro ecumenico tenutosi nella sua diocesi

La XIV sessione plenaria della Commissione mista per il dialogo teologico tra la Chiesa ortodossa e la Chiesa cattolica, conclusasi la scorsa settimana, rappresenta un’ulteriore svolta nel cammino di riconciliazione. Ne è convinto monsignor Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto, diocesi che ha ospitato l’incontro ecumenico.

In modo particolare l’accordo su primato e sinodalità ha rappresentato un’accelerazione incoraggiante dopo quasi un decennio di stallo nell’ambito di questi incontri: era infatti dal 2007, che non veniva prodotto un documento finale. Un successo in cui probabilmente ha influito l’epocale incontro tra papa Francesco e il patriarca ortodosso di Mosca, Kirill, avvenuto a L’Avana lo scorso 12 febbraio.

Unica “ombra” della recente plenaria, l’astensione degli ortodossi georgiani sul documento finale, mentre rimane in piedi la controversia sugli uniati, sebbene, secondo mons. Forte, non vada “enfatizzata”.

A colloquio con ZENIT, l’arcivescovo di Chieti-Vasto, uno dei rappresentanti dell’episcopato italiano, più impegnati nell’ecumenismo, ha espresso la propria soddisfazione per i risultati ottenuti.

Eccellenza, quali sono gli aspetti più significativi dell’accordo catto-ortodosso di Chieti su primato e sinodalità?

In primo luogo è molto importante che si sia arrivati a un documento comune sul tema del primato e della sinodalità. Era dal 2007, a Ravenna, che non si avevano risultati comuni: gli incontri di Cipro, Vienna ed Amman succedutisi in questi anni non erano riusciti a esprimere un consenso. Ora questo è avvenuto con la sola astensione della Chiesa ortodossa di Georgia su qualche aspetto. Ed è un risultato importante.

Più in generale quali sono stati i punti di sintonia tra le varie chiese?

Si è affermata la necessità di un primo e di un capo (per usare il linguaggio del Canone 34 degli Apostoli, molto importante per gli Ortodossi) non solo nella Chiesa locale (il vescovo) e a livello regionale (il patriarca), ma anche a livello universale e si è riconosciuto che nella comunione universale delle Chiese, questo ruolo spetta al Vescovo di Roma, che era la prima delle Chiese patriarcali del primo millennio, quando Oriente e Occidente erano uniti.

Dove, invece, si sono riscontrati i maggiori disaccordi?

La difficoltà per gli ortodossi è ammettere un potere universale di giurisdizione diretta e immediata del Papa su tutta la Chiesa. Essi tuttavia accettano che nel primo millennio fosse decisiva la sinergia con Roma anche in Oriente.

Qual è la sua opinione sulla controversia degli “uniati” ucraini?

La questione è delicata ma non va enfatizzata: ogni Chiesa, in comunione con Roma o no, va rispettata.

L’incontro di Chieti è avvenuto a sette mesi dallo storico abbraccio tra papa Francesco e il patriarca Kirill: in che misura lo storico evento è stato recepito dai relatori presenti nei giorni scorsi?

Certamente questi incontri hanno avuto un grande influsso sul clima di fraternità vissuto e sulla volontà di giungere a un consenso.

Dopo un millennio, possiamo quindi dire che la riconciliazione tra cattolici e ortodossi è più vicina?

Credo proprio di sì. Ci vorrà ancora molto cammino ma il modello di coniugazione fra sinodalità e primato apre una strada certamente feconda.

About Luca Marcolivio

Roma, Italia Laurea in Scienze Politiche. Diploma di Specializzazione in Giornalismo. La Provincia Pavese. Radiocor - Il Sole 24 Ore. Il Giornale di Ostia. Ostia Oggi. Ostia Città (direttore). Eur Oggi. Messa e Meditazione. Sacerdos. Destra Italiana. Corrispondenza Romana. Radici Cristiane. Agenzia Sanitaria Italiana. L'Ottimista (direttore). Santini da Collezione (Hachette). I Santini della Madonna di Lourdes (McKay). Contro Garibaldi. Quello che a scuola non vi hanno raccontato (Vallecchi).

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione