La Chiesa portoghese: dare una dignità ai detenuti

A Fatima, l’8 e 9 febbraio, l’Incontro nazionale di Pastorale penitenziaria sul tema del reinserimento in società dei carcerati

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

Si terrà a Fatima, i prossimi 8 e 9 febbraio, il X Incontro nazionale di Pastorale penitenziaria dedicato al tema “Dare dignità ai detenuti: dalle parole all’azione”. Nel comunicato di presentazione dell’evento, padre João Gonçalves, coordinatore della Pastorale penitenziaria portoghese, ribadisce che “è sempre bene parlare di carceri e di detenuti, poiché si tratta di un argomento poco conosciuto e del quale si discute poco all’interno delle nostre comunità, ecclesiali o no. In carcere – spiega il sacerdote – il nostro rispetto ed il nostro aiuto vanno a tutti, sia nel periodo di reclusione, sia successivamente, nella fase di reinserimento familiare, lavorativo e sociale”.

I lavori del convegno si apriranno nel pomeriggio di domenica prossima, con la prima sessione dedicata al settore religioso della Pastorale carceraria. Il giorno seguenti, dalle 9.30 alle 12.30, si discuterà dell’argomento dal punto di vista giuridico, mentre dalle 14.30 alle 17.30 si affronterà la questione sociale.

L’incontro nazionale di quest’anno – ricorda la Radio Vaticana – segue quello del maggio 2014 a carattere transnazionale, al quale hanno preso parte rappresentanti di Spagna, Gibilterra, Andorra e Portogallo. Nel comunicato congiunto diffuso lo scorso anno, si ribadisce la necessità di tutelare i diritti dei detenuti e ci si appella alle istituzioni affinché ricorrano alla pena della privazione della libertà solo come ultima scelta.

Viene sottolineato inoltre l’impegno della Pastorale penitenziaria ad offrire supporto educativo ai prigionieri, come pure la necessità di una giustizia “più umana,” che implichi il perdono e la misericordia, e non sia solo “il prolungamento di una condizione di povertà” in cui si trovano molti detenuti ancor prima di commettere un reato.

Il messaggio che si vuol far passare, dunque, è che “non è l’inasprimento delle pene a ridurre i casi di recidiva nel crimine, bensì processi penali equi e dalla giusta durata, che guardano alla persona nella sua integrità”. 

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione