Verrà presentato al Papa un progetto televisivo su Sant'Agostino

Questo mercoledì a Castel Gandolfo

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

CITTA’ DEL VATICANO, martedì, 1° settembre 2009 (ZENIT.org).- Verrà presentata questo mercoledì al Papa, prima della proiezione ufficiale, una sintesi della miniserie televisiva “Sant’Agostino” (in inglese “Augustine, the Decline of the Roman Empire”).

La presentazione avrà luogo nella Sala degli Svizzeri del Palazzo Pontificio di Castel Gandolfo alle 17.30, secondo quanto ha reso noto “L’Osservatore Romano”.

La serie, che ripercorre la vita del santo Vescovo di Ippona, è coprodotta da Lux Vide, Rai Trade e Rai Fiction (Italia), Bayerischer Rundfunk/Tellux Film e Eos Entertainment (Germania), e Grupa Filmova Baltmedia (Polonia).

Il regista, il canadese Christian Duguay, è noto per aver diretto film come “Giovanna d’Arco” (1999), “L’arte della guerra” (2000), “Screamers” (1995) e “Hitler, il regno del male” (2003).

Franco Nero interpreterà il santo, mentre Alessandro Preziosi gli presterà il volto nella sua tormentata giovinezza.

La serie inizia con l’anziano Agostino che ricorda la propria vita poco prima di morire, assediato a Ippona nel 430 dagli eserciti vandali. Si narra così la vita del santo, con i suoi eccessi e le sue trasgressioni, fino alla crisi esistenziale che lo portò alla conversione, nel contesto del collasso dell’Impero Romano.

Un altro ruolo di spicco è quello di Santa Monica (Monica Guerritore), come guida della salvezza di suo figlio.

La serie si inserisce nel progetto “Imperium”, della Lux Vide, proprietà della famiglia Bernabei. La Lux Vide è nota per aver prodotto serie come “La Bibbia” o “Don Matteo”.

In questo progetto, in cui si inseriscono anche lavori come “Augusto” e “Pompei”, è prevista la produzione di una nuova versione di “Ben Hur”, che verrà diretta anch’essa da Christian Duguay, in collaborazione con altre case di produzione americane.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione