Missione e religioni al centro dell'incontro del Papa con gli ex-alunni

Si terrà a Castel Gandolfo l’incontro annuale che ha luogo ormai dal 1971

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ROMA, giovedì, 20 agosto 2009 (ZENIT.org).- La missione e il dialogo con le altre religioni e culture sarà il tema al centro dell’annuale incontro degli ex-studenti di Benedetto XVI, il cosiddetto “Ratzinger Schülerkreis”, che si svolgerà dal 28 al 30 agosto nel Centro Mariapoli a Castel Gandolfo.

Si tratta di un incontro ormai tradizionale quello tra Joseph Ratzinger e i suoi ex-allievi, iniziato nel 1971, quando l’attuale Pontefice insegnava ancora Teologia all’Università di Ratisbona.

Ogni anno il “Ratzinger Schülerkreis” si riunisce alcuni giorni d’estate per affrontare, da un punto di vista teologico, le questioni più disparate e neanche la sua elezione al Soglio pontificio nel 2005 è riuscita a interrompere la tradizione.

In particolare, nel 2005 si è parlato della questione dell’Islam; nel 2006 e 2007 dell’evoluzione e delle teorie evoluzionistiche; mentre nel 2008 la tematica affrontata è stata il rapporto tra i Vangeli e il Gesù storico.

Da allora i seminari, rigorosamente a porte chiuse, si sono tenuti sempre nel Palazzo apostolico di Castel Gandolfo, dove il Papa si trova a trascorrere attualmente le sue vacanze estive.

Il programma del simposio prevede due relazioni principali. La prima è affidata al prof. Peter Beyerhaus, protestante, docente emerito di Missiologia e Teologia ecumenica alla Facoltà teologica evangelica di Tubinga; mentre la seconda è affidata al prof. Heinz Buerkle, teologo evangelico convertito al cattolicesimo, docente emerito alla Ludwig-Maximilians-Universität.

Alle relazioni seguiranno domande e commenti alla presenza del Santo Padre, che presiederà la Messa conclusiva il 31 agosto.

Solitamente sono circa una trentina, tra teologi e filosofi, le persone che prendono parte a questi incontri, tra cui anche il Cardinale Christoph Schönborn, Arcivescovo di Vienna.

Quest’anno il gruppo di ex-allievi si trova ad affrontare un tema caldo della teologia contemporanea, che mira a presentare l’unico salvatore, Gesù Cristo, e la sua Chiesa, promuovendo al tempo stesso il dialogo ecumenico e interreligioso.

In una intervista concessa al quotidiano “Le Figaro”, il 17 novembre 2001, l’allora Cardinale Ratzinger aveva constatato che “oggi, il termine missione non è sempre ben compreso, perché si pensa alla distruzione delle culture antiche da parte degli Occidentali”.

“La realtà storica – aveva affermato in quell’occasione – è tuttavia differente: noi sappiamo che i missionari cristiani – in Africa, in Asia ma anche in America Latina – erano spesso i veri difensori della dignità umana”.

“Questi missionari – aveva affermato – hanno salvato una parte delle culture antiche trascrivendo le lingue indigene, redigendo dei dizionari dei dizionari e delle grammatiche. Essi sono stati di aiuto a questa grande rivoluzione che è stato l’incontro dell’Europa e di questi popoli, integrando le tradizioni che convergevano con la fede cristiana”.

La Congregazione per la Dottrina della Fede ha pubblicato il 3 dicembre del 2007 una Nota dottrinale su alcuni aspetti dell’evangelizzazione, nella quale si ribadisce la necessità intrinseca alla Chiesa di annunciare il Vangelo senza fare però proselitismo, “nel senso negativo attribuito a questo termine”.

Il documento, approvato da Benedetto XVI, afferma che ogni attività della Chiesa ha “una essenziale dimensione evangelizzante e non deve mai essere separata dall’impegno per aiutare tutti a incontrare Cristo nella fede, che è il primario obiettivo dell’evangelizzazione”.

“La testimonianza alla verità non intende imporre alcunché con la forza, né con un’azione coercitiva né con artifici contrari al Vangelo”, si afferma allo stesso tempo al numero 12 del documento.

“L’amore e la testimonianza alla verità mirano a convincere anzitutto con la forza della parola di Dio”, si sottolinea poi, evidenziando tra i pericoli maggiori “gli odierni relativismi ed irenismi in ambito religioso” che sfociano nel sincretismo.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione