Nessuna pressione vaticana su Berlusconi per il caso Englaro

Il portavoce vaticano ha smentito la telefonata del Cardinale Bertone al Premier

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

CITTA’ DEL VATICANO, venerdì, 6 febbraio 2009 (ZENIT.org).- Il Vaticano ha smentito quest’oggi la presunta telefonata del Segretario di Stato, il Cardinale Tarcisio Bertone, al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, per impedire la rimozione a Eluana Englaro della sonda per l’alimentazione e l’idratazione.

In una dichiarazione rilasciata quest’oggi, il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, ha affermato: “Si smentisce nel modo più categorico quanto pubblicato, con evidenza, questa mattina da un quotidiano italiano a proposito di un presunto colloquio telefonico incorso fra il Cardinale Segretario di Stato, Tarcisio Bertone, ed il Presidente del Consiglio italiano, On. Silvio Berlusconi”.

“La notizia è totalmente infondata”, ha sottolineato il Direttore della Sala Stampa vaticana.

In un articolo apparso questo venerdì sul quotidiano “La Stampa”, si afferma che due giorni fa il Cardinale Bertone avrebbe chiamato il Premier Berlusconi per manifestare le preoccupazioni della Chiesa sul caso della donna in coma vegetativo da 17 anni, definendo “un delitto contro l’umanità” la sua eventuale morte per privazione di cibo e di acqua.

Le “pressioni” della Chiesa, riferisce ancora l’articolo, sarebbero state  uno dei punti al centro del Consiglio dei Ministri convocato questo venerdì mattina a Palazzo Chigi per discutere una serie di decreti e disegni di legge di ordinaria amministrazione, tra cui un decreto legge per impedire a chiunque la cessazione della somministrazione di  alimentazione e idratazione.

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha invece inviato una lettera al Presidente del Consiglio Berlusconi, della quale è stata data lettura in Consiglio dei Ministri, per esprimere le sue perplessità sulla attuabilità di un decreto legge sulla vicenda di Eluana Englaro.

Nel frattempo, però, nella casa di riposo “La Quiete” di Udine, procede senza interruzioni il protocollo per la progressiva diminuzione dell’idratazione e dell’alimentazione che tengono in vita Eluana.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione