Dona Adesso

Una proposta di legge per il servizio civile obbligatorio

È stata presentata alla Camera dall’on. Marazziti (Per l’Italia) e prevede 6 mesi di servizio per i giovani tra 18 e 25 anni con rimborso spese di 400 euro al mese

Un servizio civile obbligatorio per reintrodurre “il tempo degli altri nella quotidianità”. La proposta di legge arriva da Per l’Italia-Centro democratico, presentata a marzo 2014 ma non ancora calendarizzata. Il primo firmatario, Mario Marazziti, presidente della commissione Affari Sociali della Camera, spiega ad Avvenire: “Esiste la necessità nazionale di superare un disorientamento generalizzato dei nostri ragazzi e di avviare percorsi alla gratuità come tratto della crescita”.

La proposta è indirizzata ai giovani tra i 18 e i 25 anni (con possibilità di arrivare a 29 anni per chi non studia e non lavora) e consiste nel trascorrere 6 mesi della propria vita al servizio della società, percependo un rimborso spese mensile di 400 euro. Previsto inoltre una sorta di Erasmus entro i confini nazionali, giacché i giovani coinvolti potranno scambiare la propria abitazione con quella dei loro colleghi di altre regioni, un modo “per conoscere altre culture e avvicinare il Nord al Sud Italia”, spiega Marazziti.

La legge costerebbe allo Stato circa 2 miliardi l’anno. “Non è un fondo assistenzialistico – precisa Marazziti – ma un patto Stato-cittadini”, da scrivere in collaborazione con gli enti locali che dai lavori a favore della città e delle fasce deboli trarrebbero anche un risparmio. “È un testo perfettibile – conclude – ma il cambiamento culturale è più importante del meccanismo” utilizzato per realizzare il servizio civile obbligatorio. Si potrebbe svolgerlo, suggerisce il deputato, persino come parte del percorso formativo alle superiori.6 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione