Dona Adesso

© ZENIT

Sette nuovi santi il prossimo 16 ottobre

Stamattina il Papa ha celebrato il Concistoro per la canonizzazione dei beati Salomone Leclercq, Manuel González García, Lodovico Pavoni, Alfonso Maria Fusco ed Elisabetta della Santissima Trinità

Il prossimo 16 ottobre la Chiesa di Roma si arricchirà di sette nuovi santi. Stamattina, infatti, nella Sala del Concistoro del Palazzo Apostolico Vaticano, Papa Francesco ha presieduto la celebrazione dell’Ora Terza e il Concistoro Ordinario Pubblico per la Canonizzazione di cinque beati che il Pontefice ha decretato che siano iscritti nell’Albo dei Santi domenica 16 ottobre, insieme a El Cura Brochero e José Sánchez del Río.

I cinque Beati sono:

– Salomone Leclercq (al secolo: Guglielmo Nicola Ludovico), dei Fratelli delle Scuole Cristiane, martire;

– Manuel González García, vescovo di Palencia, fondatore dell’Unione Eucaristica Riparatrice e della Congregazione delle Suore Missionarie Eucaristiche di Nazareth;

– Lodovico Pavoni, sacerdote, fondatore della Congregazione dei Figli di Maria Immacolata;

– Alfonso Maria Fusco, sacerdote, fondatore della Congregazione delle Suore di San Giovanni Battista;

– Elisabetta della Santissima Trinità (al secolo: Elisabetta Catez), monaca professa dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi.

*

 

Nel Concistoro di stamane, è seguita l’optatio di quattro Cardinali dall’Ordine dei Diaconi all’Ordine dei Presbiteri:

– su richiesta del Card. William Joseph Levada, la Diaconia di S. Maria in Domnica è stata elevata pro hac vice a Titolo presbiterale;

– su richiesta del Card. Franc Rodé, la Diaconia di S. Francesco Saverio alla Garbatella è stata elevata pro hac vice a Titolo presbiterale;

– su richiesta del Card. Andrea Cordero di Montezemolo, la Diaconia di S. Maria in Portico è stata elevata pro hac vice a Titolo presbiterale;

– su richiesta del Card. Albert Vanhoye, la Diaconia di Santa Maria della Mercede e Sant’Adriano a Villa Albani è stata elevata pro hac vice a Titolo presbiterale.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione