Dona Adesso

© Servizio fotografico - L'Osservatore Romano

Santa Marta: “Dietro alle persone rigide, c’è spesso una doppia vita”

Durante l’omelia del mattino, Papa Francesco mette in guardia da chi identifica Dio con la “legge” e non con la “mitezza”, la “bontà” e il “perdono”

I “rigidi”, oltre ad essere “schiavi della legge”, nascondono spesso una doppia vita. Dio, al contrario, è fonte di bontà, mitezza e libertà. Lo ha detto papa Francesco durante l’omelia del mattino a Santa Marta, traendo spunto dal Vangelo del giorno (Lc 13,10-17), che riporta l’episodio della guarigione compiuta da Gesù di sabato e, per questo, contestata dal capo della Sinagoga.

“Non è facile – ha commentato il Pontefice – camminare nella Legge del Signore”, è “una grazia che dobbiamo chiedere”. Mentre il capo della Sinagoga lo accusa di aver violato la legge del Signore, Gesù gli replica, accusandolo di essere ipocrita, espressione che lui stesso “ripete tante volte ai rigidi, a quelli che hanno un atteggiamento di rigidità nel compiere la legge”, fino a diventare “schiavi della Legge”. La Legge, in realtà, ha ricordato il Santo Padre, “non è stata fatta per farci schiavi, ma per farci liberi, per farci figli”.

Secondo il Papa, dietro la rigidità, c’è sempre “qualcosa di nascosto nella vita di una persona”. Mentre “la rigidità non è un dono di Dio”, lo sono la “mitezza”, la “bontà”, la “benevolenza”, il “perdono”.

Nei ‘rigidi’ c’è spesso una “doppia vita”, persino qualcosa di simile alla “malattia”. Eppure i rigidi “quando sono sinceri e si accorgono di questo, soffrono” perché “non riescono ad avere la libertà dei figli di Dio”, né sanno “come si cammina nella Legge del Signore”; quindi “non sono beati”.

Talora i rigidi “sembrano buoni perché seguono la Legge” ma, nella realtà, “sono cattivi, ipocriti o sono malati” e ne “soffrono”.

Un esempio di questa rigidità è stata indicata da Francesco nel fratello del figliol prodigo, il quale “si era comportato sempre bene” ma poi “s’indigna col padre perché riaccoglie con gioia il figlio minore dissoluto, ma tornato a casa pentito”. Ciò denota, ha aggiunto il Santo Padre, come, dietro una certa bontà, ci sia spesso “la superbia di credersi giusto”.

In definitiva, il fratello maggiore vedeva il padre come un “padrone” e “camminava nella Legge con rigidità”, mentre il minore “ha lasciato la Legge da parte” e l’ha trasgredita “ma ad un certo punto ha pensato al padre ed è tornato e ha avuto il perdono”.

In conclusione, papa Francesco ha chiesto preghiera per “i nostri fratelli e le nostre sorelle che credono che camminare nella Legge del Signore è diventare rigidi”, affinché “il Signore faccia sentire loro che Lui è Padre e che a Lui piace la misericordia, la tenerezza, la bontà, la mitezza, l’umiltà”.

 

 

About Luca Marcolivio

Roma, Italia Laurea in Scienze Politiche. Diploma di Specializzazione in Giornalismo. La Provincia Pavese. Radiocor - Il Sole 24 Ore. Il Giornale di Ostia. Ostia Oggi. Ostia Città (direttore). Eur Oggi. Messa e Meditazione. Sacerdos. Destra Italiana. Corrispondenza Romana. Radici Cristiane. Agenzia Sanitaria Italiana. L'Ottimista (direttore). Santini da Collezione (Hachette). I Santini della Madonna di Lourdes (McKay). Contro Garibaldi. Quello che a scuola non vi hanno raccontato (Vallecchi).

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione