Dona Adesso

Foto: Ordinariato Militare

Rifugiati: l’accoglienza è un impegno anche per i militari

L’intervento dell’Ordinario Militare, mons. Marcianò al congresso internazionale di Vught (Olanda)

Custodire persone, non confini. È il messaggio lanciato dall’Ordinario Militare per l’Italia, mons. Santo Marcianò, al Congresso dell’Apostolato Militare Internazionale, in corso a Vught (Olanda). Il presule ha relazionato ieri sul tema: I rifugiati alla luce della Laudato Si’ e dell’Anno della Misericordia.

“Lo scarto dei rifugiati – ha ribadito Marcianò – non è solo il rifiuto che può esserci alle frontiere ma inizia proprio da una cultura che divide il mondo in ricchi e poveri, potenti e deboli, facendo sempre ricadere sui deboli le conseguenze di ogni ingiustizia e discriminazione, anche quella contro il creato”.

“C’è però anche chi, come l’Italia, – ha aggiunto il vescovo – si è assunta una tale responsabilità di soccorso e di accoglienza… Ed in questa «responsabilità» si colgono, dunque, inedite sfumature della missione dei militari, quasi un ‘nuovo profilo’, disegnato sul serio e significativo impegno di combinare l’accoglienza con la sorveglianza, la protezione dei cittadini con il soccorso agli stranieri. Se la Chiesa tutta non può non essere inquietata da questa emergenza umanitaria, ancor più la Chiesa che è tra i militari se ne deve sentire interpellata”.

L’accoglienza pastorale dei rifugiati, per Marcianò “porta alla luce un nuovo, vasto, e direi entusiasmante campo di evangelizzazione e carità per l’Apostolato Militare Internazionale, attento all’annuncio evangelico e alla promozione della cultura della pace”.

Ecco, dunque, la missione consegnata oggi ai militari cristiani e a tutto il mondo militare: “trasformare quei confini, che altri vogliono serrare, in varchi di accoglienza nella nostra «casa comune»; in Porte Sante, attraversando le quali i rifugiati possano «fare esperienza della Divina Misericordia anche grazie alle persone che li aiutano”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione