Dona Adesso

Premio Europeo per la Vita a Wanda Poltawska

Una grande donna, sopravvissuta ai lager nazista, fiera eroina in difesa della vita e della famiglia

La neonascente Federazione “Uno di Noi”, ha consegnato sabato il premio europeo per la Vita “Madre Teresa di Calcutta” 2013 alla Prof. Wanda Poltawska, in occasione del I Congresso della Federazione dei Movimenti per la Vita europei, svoltosi a Cracovia dal 14 al 17 novembre.

Wanda Poltawska nasce il 2 ottobre 1921 a Lublino. Durante l’occupazione tedesca viene arrestata dalla Gestapo e rinchiusa per 4 anni nel campo di concentramento di Ravensbrück, dove viene sottoposta ad esperimenti crudeli da parte dei medici nazisti (si vedano le pubblicazioni “E ho paura dei miei sogni” e “L’eclissi della bellezza. Genocidi e Diritti umani”). Dopo la sconfitta dei tedeschi, ritorna in Polonia dove sposa il filosofo Andrzej Poltawski.

Sempre in Polonia conosce il giovane Karol Wojtyla che diventa il suo direttore spirituale e caro amico della famiglia Poltawski. Diventa medico, psichiatra di successo, ha 4 figlie, dirige l’Istituto per i Problemi della Famiglia fondato a Cracovia da Wojtyla e si occupa della difesa della famiglia e della vita (anche in materia di post aborto). Tanto che il Beato la nomina tra gli esperti chiamati a redarre l’Evangelium Vitae.Membro, tra le altre cose, della Pontificia Accademia per la vita, Wanda Poltawska ha scritto varie opere, articoli saggi e pubblicazioni.

Questa la motivazione dell’onorificenza, scritta sulla pergamena consegnata alla grande donna: “Per avere, in prima persona e nel corso di tutta la sua vita, testimoniato e portato avanti a livello internazionale la cultura per la vita, nel solco dell’insegnamento di Giovanni Paolo II; per essersi schierata con coraggio per la dignità e il diritto alla vita di ogni persona umana dal concepimento  fino alla morte naturale, prima come internata  nel campo di concentramento di Ravensbrück, poi come medico-psichiatra, come moglie e madre, come esperta dell’inizio vita e della famiglia, durante il regime nazista, durante il regime comunista e dopo  la caduta del regime; per essere stata testimone di una femminilità piena, portatrice di speranza, per essere una donna per la vita; per il suo impegno continuo per la difesa dell’ embrione umano, ‘Uno di Noi’”.

Il premio consegnato è una scultura dell’artista bresciana Regina Testoni intitolata “Sorgenti”, per richiamare appunto le sorgenti che diventeranno poi rigagnolo, torrente, fiume e mare. L’opera vuole essere quindi un simbolo della femminilità, come quella della Poltawska, che afferma la vita dal punto di vista della donna, capace di accogliere la vita e di amarla in tutte le sue forme.

Il premio europeo Madre Teresa di Calcutta è stato istituito nel 2008 dal Movimento per la Vita Italiano e nelle precedenti edizione è stato assegnato a personalità come Jérôme Lejeune, Eduardo Verástegui, Chiara Lubich, Elio Sgreccia, le Madri europee. Alla sua 6° edizione, per la prima volta il riconoscimento è stato assegnato dalla neonascente Federazione “Uno di Noi”. E la scelta di assegnarlo alla prof. Poltawska non è casuale. Con questo premio la Federazione intende, infatti, riproporre le radici giudaico-cristiane che una parte dell’Europa non ha avuto il coraggio di riconoscere, nonostante le suppliche del Beato, presto Santo, Giovanni Paolo II.

About Elisabetta Pittino

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione