Dona Adesso

Pixabay - CC0

Mons. Jurkovič: “Anziani non sono un peso per la società”

L’Osservatore Permanente della Santa Sede all’ONU di Ginevra sottolinea la necessità di pensioni eque e accesso sostenibile alle cure mediche per chi è avanti negli anni

Anche la Santa Sede si batte per l’equità delle pensioni. Nel corso della 33° sessione del Consiglio dei Diritti Umani, monsignor Ivan Jurkovič, Osservatore Permanente della Santa Sede presso l’Onu di Ginevra, ha lanciato un appello per i diritti degli anziani, affinché non siano penalizzati da una “cultura dell’usa e getta”, che valuta le persone solo in base alla loro produttività.

Il presule ha richiamato l’attenzione su tre sfide riguardanti i diritti fondamentali degli anziani, il primo dei quali è la lotta alla “povertà”. Molti uomini e donne in età avanzata, ha ricordato Jurkovič, sono costretti a “continuare a lavorare, spesso con stipendi bassi ed in condizioni precarie”, non potendo fruire della pensione.

Il secondo diritto da garantire è “un accesso sostenibile alle cure mediche attraverso politiche che siano in grado di rafforzare le cure di base e di aiutare le famiglie, anche tramite sussidi economici, a prendersi cura dei loro cari in casa”.

Va infine tutelato “il diritto umano degli anziani a partecipare a tutti gli aspetti della società”, coinvolgendoli nelle “decisioni che riguardano la loro vita e la loro integrazione sociale”, garantendo loro anche “un ambiente accessibile e sicuro”.

L’Osservatore Permanente ha quindi ribadito che “la Santa Sede ritiene essenziale la promozione di politiche e di sistemi educativi che propongano un’alternativa all’atteggiamento dominante della cultura dell’usa e getta”.

La longevità, dunque, non va mai considerata “un’eccezione, un peso o una sfida, ma piuttosto una benedizione, quale effettivamente è” e gli anziani vanno rispettati, in quanto “fonte di saggezza” e “grande risorsa”. Per corollario, “la qualità della società e della civiltà si possono giudicare da come vengono trattati gli anziani”, ha poi concluso mons. Jurkovič.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione