Dona Adesso
Crucifix carved into a wooden hammer and sickle given to Pope Francis by Bolivian President Evo Morales

ANSA

La precisazione di padre Lombardi sulla croce donata da Morales al Papa

L’opera è attribuita al gesuita padre Luis Espinal. Il portavoce vaticano: “La questione si pone sulla interpretazione e sull’uso del crocifisso”

Ha fatto molto discutere il dono che il presidente boliviano Evo Morales ha consegnato ieri a Papa Francesco: un crocifisso con falce e martello, realizzato dal gesuita padre Luis Espinal, assassinato nel 1980. Sulla questione è intervenuto il direttore della Sala Stampa Vaticana, padre Federico Lombardi, che, al termine del briefing di oggi a Santa Cruz de la Sierra, ha spiegato ai giornalisti: “Si tratta di capire cosa è, come nasce e che senso gli viene dato. La Chiesa non propone normalmente il Crocifisso in contesti diversi da quello di Gesù che muore sulla croce e allo stesso tempo sappiamo che tante persone hanno cercato di trovare delle forme di espressione o di applicazione del loro impegno per la giustizia e di esprimerlo in modi diversi”.

“Il disegnatore più creativo – ha proseguito Lombardi – può esprimerlo con un simbolo che magari per qualcuno è espressivo, per altri no. In questo senso la questione si pone sulla interpretazione e sull’uso. Se uno mi viene a dire Espinal a suo tempo ha fatto questo io non ho particolari difficoltà a pensare che in quel contesto lui volesse esprimere il dialogo con le diverse componenti che si impegnavano per la giustizia anche in forme al di là del confine della Chiesa”.

“Se uno adesso mi dice lo utilizziamo e ne facciamo un simbolo identificativo, beh bisogna vedere come uno lo usa e perché lo fa”, ha precisato il portavoce vaticano. “Non credo di andare a mettere in chiesa o su un altare questo simbolo, allo stesso tempo se lui ha disegnato questa cosa qua nel 1980 per esprimere quello che stava vivendo allora… I gesuiti mi hanno detto che lo ha fatto o lo ha disegnato Espinal, altra cosa però è adesso prenderlo e proporlo, non venitemi a chiedere cosa ha detto il Papa perché non lo so. I miei confratelli gesuiti non boliviani neanche loro avevano mai visto questa cosa, cadevano dalle nuvole”.

Quindi, ha concluso padre Lombardi, “non è una cosa conosciuta, non è che Espinal l’avesse pubblicata da tutte le parti. Effettivamente oggi quando uno dice che questa è di Espinal, non dice una cosa falsa. Se uno dice adesso qual è il significato che io le do questo è un altro paio di maniche”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione