Dona Adesso
Astonished little girl

Pixabay - Elementus

La poesia e i “luoghi dello stupore”

Tre componimenti poetici che riconducono al concetto pronunciato dal Santo Padre durante l’Angelus

Lo stupore. Ancora una volta papa Francesco ha colpito nel segno, toccando una corda emotiva che vibra forte nel cuore dell’uomo: “non dimenticatevi questa parola: stupore”, ha detto il Santo Padre durante l’Angelus di domenica 20 dicembre.

Lo stupore è una sensazione intensa di meraviglia che toglie quasi la capacità d’agire: “Oppresso di stupore, a la mia guida mi volsi”, scriveva Dante Alighieri, nel XXII canto del Paradiso. Quello del poeta è lo stupore di un bambino pieno di fiducioso abbandono: “come parvol che ricorre sempre colà dove più si confida”.

Lo stupore di cui parla papa Francesco riconduce anch’esso ad emozioni dell’infanzia scolpite nella nostra memoria. “Per celebrare in modo proficuo il Natale, siamo chiamati a soffermarci sui ‘luoghi’ dello stupore”, ha detto infatti il Santo Padre. E quale esperienza, più del Natale, s’identifica con il nostro essere stati bambini?

Lo stupore – insieme alla gioia, alla timidezza, alla speranza ed altri analoghi sentimenti – riconduce a quel nucleo profondo di umanità che è in noi e che dobbiamo difendere dalle minacce del pensiero materialista. Quel nucleo di umanità che racchiude infiniti orizzonti di senso e che rende la vita degna d’essere vissuta.

Ma quali sono questi “luoghi” dello stupore nella vita quotidiana? Papa Francesco lo spiega con il suo mirabile potere di sintesi: l’altro, “nel quale riconoscere un fratello perché porta impresse le sembianze del Figlio di Dio”; la storia, “che scombina le carte: rovescia i potenti dai troni e innalza gli umili, ricolma di beni gli affamati e rimanda i ricchi a mani vuote”; la chiesa, “che esce dalle proprie porte per cercare con sorriso di madre tutti i lontani e portarli alla misericordia di Dio”.

Tre “luoghi” simbolici, emotivi e concreti che possono aiutarci a “celebrare in modo proficuo il Natale”. Per restare in tema di poesia – e per celebrare il Natale con la poesia – abbiamo scelto tre componimenti che, attraverso il fitto reticolo di analogie che fanno parte del sentire poetico, riconducono alle parole del Santo Padre. Tre poesie che “sentono” nel Natale il momento perfetto nel quale dare corpo a quei valori intuitivi che accedono al cuore dell’esistenza.

La dimensione dell’altro ci sembra possa ritrovarsi, con un afflato di umana empatia, in una bella poesia di Roberto Allegri, La scia del Natale, dove il senso della famiglia come nucleo di identità e di valori – “La voce d’una mamma, / la mano di un fratello / e il sorriso di un nonno” – riafferma l’esigenza imprescindibile di un “luogo” formativo dell’esperienza.

Il divenire della storia trova invece una sua poetica rappresentazione in un intenso componimento di Maurizio Soldini, intitolato Il tempo migliore, dove la drammatica esperienza di questo inizio millennio – “Desolate le muraglie del cuore / a piatire passaggi di frontiera” – trova un suo escatologico compimento in una dimensione altra: un “luogo dello stupore” dove salirà nel cielo “la gratitudine per il tempo migliore”.

E accanto ai validissimi contemporanei, vogliamo citare una figura emblematica della letteratura di fine ‘800: Giovanni Pascoli. Con una poesia che appartiene ai “classici” del Natale: Le ciaramelle. Una poesia dove il “luogo dello stupore” della chiesa, di cui parla Papa Francesco, trova la sua più bella e compiuta rappresentazione: “Nel cielo azzurro tutte le stelle / paion restare come in attesa; / ed ecco alzare le ciaramelle / il loro dolce suono di chiesa; / suono di chiesa, suono di chiostro, / suono di casa, suono di culla, / suono di mamma, suono del nostro / dolce e passato pianger di nulla”.

***

LA SCIA DEL NATALE

di Roberto Allegri

I miei bambini dormono.

I loro sogni si addensano

come polvere di luce.

E diventano la scia

per seguire il Natale.

Il Natale di quando

anch’io avevo

gli anni sottili

e mi aggrappavo al sonno

tremando di eccitazione

nella notte più santa.

Ti aspetto ancora,

Natale.

Sto qui seduto

in compagnia del respiro

dei bimbi.

Al buio.

E ti sento entrare

adagio,

un passo di lancetta

alla volta.

Un chiarore

che non offende.

Un dolce sonaglio

che non spaventa.

Un fruscio di muschio,

un sentore di freddo

asciutto.

La voce d’una mamma,

la mano di un fratello

e il sorriso di un nonno.

Ricordi del futuro

e speranze del passato.

Arriva

che la notte è a metà.

Mi trova a sussurrare

ninne nanne.

Allora, cullo

anche il Natale

ora nato.

Senza desiderare nulla,

solo accettando.

A tutti gli uomini

di buona volontà,

cantavano gli angeli.

A tutti.

Senza divisioni

di credo o divisa,

di pelle o parlata.

Perché siamo tutti

sulla scia d’un respiro,

sul pensiero d’un sogno.

Polvere dorata

nella clessidra più grande.

***

Il TEMPO MIGLIORE

di Maurizio Soldini

I lacci del freddo in angoli bui

fanno tremare gli zigomi e il vento

sferza da lontano un canto nel mento.

S’accende quel lume che spinge

il desiderio a dormire su lastre

di ghiaccio finché non assola.

Desolate le muraglie del cuore

a piatire passaggi di frontiera

senza diffondersi in sfumate chiuse.

Finirà l’inverno e fiorirà la rosa

e salirà nel cielo un inno d’amore

la gratitudine per il tempo migliore.

***

LE CIARAMELLE

di Giovanni Pascoli

Udii tra il sonno le ciaramelle,

ho udito un suono di ninne nanne.

Ci sono in cielo tutte le stelle,

ci sono i lumi nelle capanne.

Sono venute dai monti oscuri

le ciaramelle senza dir niente;

hanno destata ne’ suoi tuguri

tutta la buona povera gente.

Ognuno è sorto dal suo giaciglio;

accende il lume sotto la trave;

sanno quei lumi d’ombra e sbadiglio,

di cauti passi, di voce grave.

Le pie lucerne brillano intorno,

là nella casa, qua su la siepe:

sembra la terra, prima di giorno,

un piccoletto grande presepe.

Nel cielo azzurro tutte le stelle

paion restare come in attesa;

ed ecco alzare le ciaramelle

il loro dolce suono di chiesa;

suono di chiesa, suono di chiostro,

suono di casa, suono di culla,

suono di mamma, suono del nostro

dolce e passato pianger di nulla.

O ciaramelle degli anni primi,

d’avanti il giorno, d’avanti il vero,

or che le stelle son là sublimi,

conscie del nostro breve mistero;

che non ancora si pensa al pane,

che non ancora s’accende il fuoco;

prima del grido delle campane

fateci dunque piangere un poco.

Non più di nulla, sì di qualcosa,

di tante cose! Ma il cuor lo vuole,

quel pianto grande che poi riposa,

quel gran dolore che poi non duole;

sopra le nuove pene sue vere

vuol quei singulti senza ragione:

sul suo martòro, sul suo piacere,

vuol quelle antiche lagrime buone!

***

I poeti interessati a pubblicare le loro opere nella rubrica di poesia di ZENIT, possono inviare i testi all’indirizzo email: poesia@zenit.org

I testi dovranno essere accompagnati dai dati personali dell’autore (nome, cognome, data di nascita, città di residenza) e da una breve nota biografica.

Le opere da pubblicare saranno scelte a cura della Redazione, privilegiando la qualità espressiva e la coerenza con la linea editoriale della testata.

Inviando le loro opere alla Redazione di Zenit, gli autori acconsentono implicitamente alla pubblicazione sulla testata senza nulla a pretendere a titolo di diritto d’autore.

Qualora i componimenti poetici fossero troppo lunghi per l’integrale pubblicazione, ZENIT si riserva di pubblicarne un estratto.

 

 

About Massimo Nardi

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione