Dona Adesso

Il sapiente vive crocifisso con Cristo, fissando lo sguardo sul Cielo

Commento al Vangelo di domenica XVIII del Tempo Ordinario – Anno C

“Eredità” e “cupidigia”, ogni conflitto tra “fratelli” sorge dalla inconciliabilità di questi due termini. Dove vi è eredità non può esservi cupidigia. L’eredità è un dono che scaturisce dal legame con colui che fa testamento. E’ frutto della sua liberalità, del suo amore. Noi tutti, per pura Grazia, siamo eredi di Dio e coeredi di Cristo. Di nostro abbiamo messo solo ribellioni e peccati. Come il figlio prodigo abbiamo dilapidato tutto.Come Adamo abbiamo perduto il Paradiso.

“O uomo!” ci dice oggi il Signore, perché nel “tale” tra la folla e in ciascuno di noi Egli intercetta proprio Adamo: ricco “presso Dio” nel Paradiso, di fronte al “raccolto abbondante” ricevuto in “eredità”, si è fermato a “dialogare con se stesso” ed è rimasto intrappolato nella menzogna del demonio. Come accade a noi quando, di fronte alla storia, ci rintaniamo nella nostra ragione facendo spazio alle adulazioni del nemico che ci convincono d’essere come dio.

E allora, a testa bassa ad “accumulare tesori per noi stessi”, moglie, marito, amici, denaro; “non sappiamo che fare” dei doni di Dio, non “abbiamo dove metterli” tanto il cuore è indurito; e così, nella paura di perderli, li serriamo nei “granai” del nostro egoismo, sempre “più grandi” per saziare il vuoto incolmabile di un dio senza paradiso.

“Dirò a me stesso”: è la follia di chi si crede nello stesso tempo autore e fruitore della vita, dio e creatura; la“stoltezza”demoniaca che si fa cupidigia, desiderio rapace, perché sempre inappagato.

O si è Dio o si è creatura. Siamo tutti “uomini ricchi”la cui vita può dare sempre un raccolto abbondante, Cristo Gesù vivo in noi. Pensare di servirsi di Lui per installarsi e “mangiare, bere e divertirsi”, è trasformare la vita in una folle corsa verso il nulla, preda dell’illusione di “averea disposizione molti beni, per molti anni”.

Spendiamo i giorni a progettare e mettere in agenda “per molti anni” riposo e godimento, e non riserviamo neanche un giorno alla morte, unica certezza. Offriamo a noi stessi la sessualità, con la quale Dio ci ha fatti “eredi” della creazione e della vita, per farne uno strumento di piacere che trasforma l’altro in un oggetto di consumo.

Così come in tante circostanze, quando un “fratello” – moglie o marito, figli o amici – un altro Adamo ingannato come noi, ci “ruba l’eredità”, l’affetto, il nostro tempo, l’onore, la carriera, i diritti; quando la “notte” degli eventi oscuri e dolorosi viene a “chiederci la vita”, rivelando la “stoltezza” di chi fa “dipendere la vita dai beni” destinati a corrompersi.

E’ allora che ci facciamo maestri del Maestro, insegnandogli come e cosa giudicare per giustificare la nostra cupidigia:“chi mi ha costituito giudice” secondo i criteri del mondo e della carne? Chi ha posto la mia vita a “mediare” tra una cupidigia e l’altra?

Ma Gesù, che è Dio, “giudica” anche oggi attraverso la croce: i progetti fondati sull’egoismo sono spine conficcate nella testa, preoccupazioni, angosce e notti insonni; le ricchezze accumulate con avidità sono chiodi che ci sottraggono la libertà di donarci.

La croce ci è data per comprendere che “la vita non dipende da ciò che l’uomo possiede”, ma dall’usoche se ne fa: un solo modo rende la vita autentica e innestata nell’eternità,arricchire presso Dio”, che significa vivere con la sapienza della croce.

Il sapiente vive crocifisso con Cristo, fissando lo sguardo sul Cielo; è figlio del Padre,sa che la vita può essere vissuta solo donandola, esattamente come è stata ricevuta.</p>

Il sapiente ha conosciuto il perdono, lo stolto vive nel rimorso. Per il sapiente la vita, con i suoi beni e i suoi affetti, è segno del perdono e così diventa dono che non teme la morte. Lo stolto progetta e si tormenta, incalzato dalla paura di morire, senza sapere “di chi sarà quello che ha preparato”.

Per divenire sapienti abbiamo bisogno di Gesù, il “giudice” che sulla Croce si è fatto “mediatore”. Ha giudicato il peccato e ha posto la sua vita come mediazione per il riscatto.Il Signore si è lasciato uccidere dalla nostra cupidigia ed è risorto per donarci l’autentica “eredità”.

Per riceverla e custodirla occorre “fare attenzione” a ogni istante della nostra vita, discernendo eventi e relazioni per imparare come, in tutto, rimanere “presso” il Signore per “arricchirci” del suo amore; se accolto, esso si moltiplica a dismisura perché “Caritas Christi urget nos: l’amore di Cristo ci spinge al pensiero che uno è morto per tutti… perché quelli che vivono non vivano più per se stessi” ma per Lui (cfr. 2 Cor. 5,14).

Il suo amore, nel matrimonio ci spinge al perdono, e ci apre alle nuove vite che Dio vuole donarci, “tenendoci lontani” da settimane bianche e schermi ultrapiatti che le famiglie numerose non possono permettersi. Nello studio, ci fa spendere le ore nel sacrificio che ci fa adulti e “ricchi” di maturità e responsabilità. Nel lavoro, ci “allontana” dalla cupidigia della carriera per fare dell’ufficio un altare dove offrirsi a colleghi e dirigenti. Nel fidanzamento ci difende dalla concupiscenza per rispettare l’altro e imparare a donarsi.

Siamo chiamati nell’urgenza di donare, ovunque e a tutti, “il raccolto abbondante” dell’amore che colma la “campagna” della nostra vita, “accumulando tesori” per arricchirne il Cielo, accompagnando“presso Dio”i “fratelli” che cercano in noi l’Eredità perduta.

Siamo chiamati a donare, ovunque e a tutti, “il raccolto abbondante” dell’amore che colma la “campagna” della nostra vita, “accumulando tesori” per arricchirne il Cielo, accompagnando “presso Dio”i “fratelli” che cercano in noi l’Eredità perduta.

About Antonello Iapicca

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione