Dona Adesso

Francesco e i giornalisti: tutte le interviste al Papa, in un volume della LEV

Il testo comprende anche i colloqui intrattenuti con la stampa in aereo, in occasione dei viaggi pontifici

Tutte le interviste rilasciate da Papa Francesco sono ora raccolte in un volume della Libreria Editrice Vaticana: Interviste e conversazioni con i giornalisti. Due anni di pontificato, curato dal direttore della LEV don Giuseppe Costa.

Oggi al Salone internazionale del Libro di Torino (ore 16, Spazio Incontri) tre giornaliste che hanno intervistato il Pontefice – Valentina Alazraki, corrispondente da Roma dell’emittente messicana Televisa, Franca Giansoldati del quotidiano Il Messaggero e Elisabetta Piqué del quotidiano argentino La Nación – si confronteranno a partire dal volume, in un incontro coordinato dal giornalista di Avvenire Gianni Cardinale.

“Due anni di pontificato. È indubbio che l’impatto comunicativo con le masse e con i singoli di Papa Francesco è immediato ed efficace. Non si tratta soltanto degli incontri con gli ammalati ai quali Francesco ama far sentire il calore dell’abbraccio o dell’incontro con i bambini e ragazzi con i quali comunica scherzando. Un segmento particolare è quello dell’incontro con i giornalisti che è diventato un fatto immediato e importante della comunicazione di questo Pontefice”.

Inizia con queste parole l’introduzione che don Costa – tra l’altro docente straordinario di Giornalismo ed Editoria presso l’Università Pontificia Salesiana e consultore del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali – ha firmato per la raccolta in ordine cronologico di tutte le interviste di Papa Francesco, dall’incontro con i giornalisti sul volo di andata per Rio de Janeiro del 22 luglio 2013, a quella realizzata da Valentina Alazraki per l’emittente messicana Televisa, in occasione dei primi due anni di Francesco alla guida della Chiesa.

Il volume comprende 23 interviste in totale, sia in forma di dialogo con i giornalisti sui voli durante i viaggi apostolici, che concesse a singoli giornalisti delle diverse testate italiane e internazionali, ed è arricchito da due inserti fotografici che mostrano alcuni momenti degli incontri del Papa con i giornalisti. Tra le varie interviste, anche quella dello scorso febbraio a padre José Maria Di Paola per La Cárcova Newsrivista di una bidonville argentina, che “consente al Papa un intervento di definizione sulla ‘periferia’ e su problematiche educative”, nella quale non mancano riferimenti alla sua esperienza a Buenos Aires.

“Da quando cinquant’anni fa Alberto Cavallari intervistò per il Corriere della Sera l’oggi Beato Paolo VI – ricorda don Costa –, l’aspirazione nei giornalisti a ‘sentire’ l’opinione di un Papa si è allargata e cresciuta così come sono cresciute in gran quantità le interviste a vescovi e cardinali. (…) Con il moltiplicarsi dei viaggi pontifici poi, si è anche sviluppata una sorta di intervista collettiva favorita anche dal fatto che un buon numero di giornalisti ‘accreditati’ fanno il viaggio sullo stesso volo del Pontefice”.

“Con l’avvento di Papa Francesco – aggiunge il curatore – è subito apparso ai giornalisti (e non) che l’intervista potesse essere il genere a lui più congeniale”.

“Le interviste nel loro insieme rivelano la ricchezza del messaggio di Papa Francesco: la sua attenzione ai bambini, ai giovani e agli anziani; la misericordia e la tenerezza di Dio; la sua passione per la gente; l’incontro ed il dialogo interreligioso – conclude don Costa –. Rivelano anche il suo grande riferimento a Paolo VI e alla capacità d’incontrare Dio nel quotidiano con una preghiera semplice e spontanea. La sua voglia di apparire ed essere un uomo vero. ‘Dipingere il Papa come una sorta di superman, una specie di star – dice a Ferruccio de Bortoli –, mi pare offensivo. Il Papa è un uomo che ride, piange, dorme tranquillo ed ha amici come tutti. Una persona normale!’”.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione