Dona Adesso

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

Nella giornata mondiale contro l’Aids, la Comunità rivela i numeri del progetto DREAM attivo in dieci paesi

Il programma DREAM, avviato nel 2002 dalla Comunità di Sant’Egidio, celebra la giornata mondiale dedicata alla lotta contro l’Aids lanciando la sfida “Più reti e meno muri” per non lasciare indietro nessuno.

A partire dall’Africa, dove sta operando in 10 Paesi con risultati importanti: 300.000 persone in cura, 70.000 bambini nati sani da madri sieropositive, 46 centri sanitari avviati e numerosi corsi di formazione.

In Africa 25,5 milioni di persone convivono con il virus, ma meno della metà riceve il trattamento salvavita. Occorre giungere ad un accesso universale e gratuito alla cura.

DREAM, che si occupa oggi anche della prevenzione e della cura di altre malattie infettive e patologie croniche, investe da anni sul personale africano per affrontare in maniera incisiva il delicato tema della sostenibilità per la cura dell’AIDS.

È una conoscenza che si diffonde e permette ai sistemi sanitari di far fronte in maniera adeguata all’epidemia. Ma è anche qualcosa di più: una scommessa sul futuro dell’Africa, incentrata sul personale africano e fondata su un’alleanza euro-africana.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione