Domenica di Pentecoste, 4 giugno 2017 / © PHOTO.VA - OSSERVATORE ROMANO

“Il perdono è il dono all’ennesima potenza”

Omelia di papa Francesco nella Messa di Pentecoste in piazza San Pietro

Share this Entry

Durante la sua omelia nella Messa della solennità di Pentecoste, celebrata domenica 4 giugno 2017 in piazza San Pietro, papa Francesco ha esortato i fedeli ad essere “cristiani di Gesù”, invece di “tifosi” o cristiani “di destra o di sinistra”, ad essere né dei “custodi inflessibili del passato”, né degli “avanguardisti del futuro”.
Nella sua riflessione, il Pontefice ha anche sottolineato che lo Spirito Santo “crea la diversità; in ogni epoca fa infatti fiorire carismi nuovi e vari”. Ma lo Spirito Santo crea anche unità, anzi fa entrambe le cose. “Il medesimo Spirito crea la diversità e l’unità e in questo modo plasma un popolo nuovo, variegato e unito: la Chiesa universale”, ha spiegato Francesco, che ha messo i circa 60.000 partecipanti alla solenne Eucaristia in guardia da due tentazioni “ricorrenti”. “Quella di cercare la diversità senza l’unità” e poi quella “opposta”, cioè “quella di cercare l’unità senza la diversità”.
La prima tentazione si verifica “quando ci si vuole distinguere, quando si formano schieramenti e partiti, quando ci si irrigidisce su posizioni escludenti, quando ci si chiude nei propri particolarismi, magari ritenendosi i migliori o quelli che hanno sempre ragione”, ha spiegato il Papa, aggiungendo: “Sono i cosiddetti ‘custodi della verità’”.
La seconda tentazione accade quando “l’unità diventa uniformità, obbligo di fare tutto insieme e tutto uguale, di pensare tutti sempre allo stesso modo”. “Così — ha avvertito Francesco — l’unità finisce per essere omologazione e non c’è più libertà.”
Occorre perciò chiedere allo Spirito Santo “la grazia di accogliere la sua unità”, ovvero “uno sguardo che abbraccia e ama, al di là delle preferenze personali, la sua Chiesa, la nostra Chiesa; di farci carico dell’unità tra tutti, di azzerare le chiacchiere che seminano zizzania e le invidie che avvelenano”, ha proseguito il Papa.
Per riuscirci serve però “un cuore nuovo”, uno che sa perdonare. “Lo Spirito è il primo dono del Risorto e viene dato anzitutto per perdonare i peccati”, ha detto il Papa, che considera questo momento quello iniziale e fondante della Chiesa. “Ecco l’inizio della Chiesa, ecco il collante che ci tiene insieme, il cemento che unisce i mattoni della casa: il perdono”, ha affermato.
“Il perdono è il dono all’ennesima potenza, è l’amore più grande, quello che tiene uniti nonostante tutto, che impedisce di crollare, che rinforza e rinsalda”, ha precisato Francesco, che ha aggiunto che “senza perdono non si edifica la Chiesa”.
Lo Spirito del perdono — ha proseguito — “ci spinge a rifiutare altre vie: quelle sbrigative di chi giudica, quelle senza uscita di chi chiude ogni porta, quelle a senso unico di chi critica gli altri”. Lo Spirito invece ci esorta “a percorrere la via a doppio senso del perdono ricevuto e del perdono donato”. (pdm)
Per leggere il testo completo cliccare qui.

Share this Entry

Anne Kurian

Laurea in Teologia (2008) alla Facoltà di teologia presso l'Ecole cathedrale di Parigi. Ha lavorato 8 anni per il giornale settimanale francese France Catholique" e participato per 6 mese al giornale "Vocation" del servizio vocazionale delle chiesa di Parigi. Co-autore di un libro sulla preghiera al Sacro Cuore. Dall'ottobre 2011 è Collaboratrice della redazione francese di Zenit."

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione