Portavoce vaticano: il Papa continua a far brillare la luce di Cristo

Padre Lombardi traccia un bilancio di questi cinque anni di pontificato

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ROMA, sabato, 17 aprile 2010 (ZENIT.org).- “Un bilancio ricco e pieno” di un pontificato speso al “servizio di Dio e dell’umanità”. Così padre Federico Lombardi, Direttore della Sala Stampa vaticana, descrive i primi cinque anni di governo di Benedetto XVI, in vista dell’anniversario che si celebrerà questo lunedì.

“Il tempo è passato rapido e le vicende sono state intense nei cinque anni ormai compiuti di questo pontificato”, ha affermato padre Lombardi nell’editoriale per Octava Dies, il settimanale informativo del Centro Televisivo Vaticano.</p>

“Per leggerli correttamente – ha spiegato – è d’obbligo tornare col pensiero alla Cappella Sistina, la mattina dopo l’elezione, quando il nuovo Papa raccoglieva l’eredità spirituale del suo grande predecessore e indicava le priorità che avrebbero orientato il suo servizio ‘nella vigna del Signore’”.

“Il rapporto dell’uomo con Dio, rivelatoci da Gesù Cristo, incontrato in particolare nell’Eucarestia, nel culto della Chiesa – ha detto –. L’impegno ‘senza risparmio di energie’ per ricostituire ‘la piena e visibile unità di tutti i seguaci di Cristo’. Il desiderio di rispondere alla ‘richiesta di aiuto da parte dell’odierna umanità che, turbata da incertezze e timori, si interroga sul suo futuro’”.

“Il dialogo ‘aperto e sincero’ con i seguaci delle altre religioni o con coloro che semplicemente cercano risposta alle domande fondamentali dell’esistenza, ‘per la ricerca del vero bene dell’uomo e della società’”, ha ricordato.

“Non c’è dubbio che queste siano state le priorità reali del pontificato – ha osservato il sacerdote gesuita – . Perseguite con coerenza e coraggio in un contesto spesso non privo di tensioni e di ostacoli. Ma Benedetto XVI diceva che non avrebbe cercato di far brillare la luce propria, ma quella di Cristo”.

“Auschwitz, Istanbul, New York, Sydney, Parigi, l’Africa, Gerusalemme. Sinagoghe e moschee, encicliche sulla carità, sulla speranza, sull’etica nello sviluppo, nell’economia e nel rispetto dell’ambiente. Un bilancio ricco e pieno, di servizio di Dio e dell’umanità. Un cammino da continuare con una rotta sicura”, ha infine concluso.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione