La Chiesa in Vietnam celebra un Giubileo

Dal 24 novembre 2009 al 6 gennaio 2011

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ROMA, mercoledì, 28 ottobre 2009 (ZENIT.org).- In occasione del 350° anniversario della creazione dei due vicariati apostolici del Tonchino e della Cocincina (1659) e dei cinquant’anni dell’istituzione della gerarchia cattolica in Vietnam (1960), la Conferenza Episcopale del Paese ha indetto un Giubileo, che si aprirà il 24 novembre prossimo per concludersi il 6 gennaio 2011.

Il giorno dell’apertura è quello della festa dei santi martiri del Vietnam, Andrea Dung Lac e 116 compagni, beatificati da Papa Giovanni Paolo II il 19 giugno 1988.

Nella lettera rivolta alla comunità cattolica del Paese per proclamare il Giubileo, i Vescovi vietnamiti ricordano che “per sviluppare lo spirito di comunione in seno alla Chiesa” il Papa li ha esortati “a dedicare un’attenzione particolare” ad alcuni ambiti, soprattutto l’esercizio della carità, “caratteristica essenziale della Chiesa di Cristo”, riporta “L’Osservatore Romano”.

“Bisognerà inoltre offrire una cura particolare alla gioventù, soprattutto ai giovani delle nostre campagne che, oggi, si ammassano nelle grandi città per proseguire gli studi e trovare un lavoro”, aggiungono i presuli.

Il compito principale, sottolineano, è ad ogni modo l’annuncio del Vangelo. “È compiendo questa missione che la Chiesa contribuisce allo sviluppo dell’uomo, non solo sul piano umano e spirituale ma anche sul piano sociale”.

Quando costruiscono la propria vita “sulla base dei valori evangelici come la carità, la rettitudine e il rispetto del bene comune”, i fedeli “partecipano attivamente alla costruzione di una società giusta, solidale ed equa”, osservano i firmatari della lettera.

La “grande assemblea del popolo di Dio”

Il momento centrale del Giubileo della Chiesa in Vietnam sarà la “grande assemblea del popolo di Dio” “sul modello del Sinodo dei Vescovi”, organizzata dall’Arcidiocesi di Ho Chi Minh Ville dal 21 al 25 novembre 2010. Vi parteciperanno circa 200 delegati, in rappresentanza della comunità cattolica vietnamita, che costituisce il 7% degli 87 milioni di abitanti.

La Conferenza Episcopale invierà a Diocesi, parrocchie e comunità religiose dei documenti di studio per far partecipare attivamente i fedeli. I contributi che giungeranno ai responsabili ecclesiali rappresenteranno la base per la discussione dell’assemblea.

“L’anno santo ci spinge a condividere la gioia della nostra fede con tutti i membri della Nazione vietnamita”, hanno dichiarato i Vescovi del Paese. Per farlo, spiegano, “occorre risvegliare in noi il dono della fede” e “rinnovare i metodi di evangelizzazione per rispondere alle forti trasformazioni della nostra epoca”.

Il modello a cui ispirarsi si baserà su “comunione e partecipazione”, hanno aggiunto i presuli. “La comunione trova la sua origine nel mistero della Trinità”, che “ci fa popolo di Dio, Corpo di Cristo, Tempio dello Spirito Santo”.

La celebrazione dell’evento, hanno sottolineato come riporta AsiaNews, “è un tempo propizio per uno sguardo retrospettivo allo scopo di ringraziare Dio, apprendere la lezione della storia” e “discutere la situazione attuale della Chiesa” “per guardare al futuro con la determinazione di costruire una Chiesa che discerne e obbedisce alla volontà di Dio”.

Per preparare i fedeli al Giubileo, la Chiesa ha indetto una novena di preghiera dal 15 al 23 novembre.

Il Giubileo si aprirà il 24 novembre nella parrocchia di So Kien di Hanoi e si concluderà il giorno dell’Epifania del 2011 al santuario mariano nazionale di La Vang.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione