Premio giornalistico Giuliano Ragno a padre Cervellera

Riconoscimento al Direttore di “AsiaNews”

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

MILANO, lunedì, 12 gennaio 2009 (ZENIT.org).- Padre Bernardo Cervellera, giornalista e missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME), ha ricevuto sabato il “Premio giornalistico Giuliano Ragno”, dedicato all’inviato speciale e poi Vicedirettore di “Avvenire”, prematuramente scomparso nel 1998.

La motivazione ufficiale del conferimento del riconoscimento al Direttore dell’agenzia “AsiaNews” è “per l’attenzione appassionata, acuta e puntuale alle vicende dell’Asia”.

Il riconoscimento, istituito da “Avvenire” insieme con la famiglia Ragno, viene attribuito ogni anno a un giornalista che si sia distinto nell’affrontare tematiche di politica estera.
 
Il premio “ha raggiunto il decimo anno di istituzione”, proprio nell’anno in cui “Avvenire” festeggia i 40 anni di storia.

“Padre Cervellera rappresenta bene l’ideale di giornalista per il quale il riconoscimento è stato istituito”, ha sottolineato Dino Boffo, Direttore di “Avvenire”.

Cervellera, dal canto suo, ha ricordato come proprio con una corrispondenza dal Libano commissionatagli da Ragno sia cominciata la sua collaborazione con “Avvenire”.

Ha poi parlato del suo amore per l’Asia, non più meta ‘esotica’, ma oramai protagonista dell’economia e della politica mondiali, chiamata – anche grazie al ruolo di “mediazione culturale” svolto dai cattolici – ad aprirsi alla cultura dei diritti umani e della libertà religiosa.

Cervellera, missionario del PIME, dal 2003 è Direttore dell’agenzia “AsiaNews”. Nato a Grottaglie (Taranto) il 20 agosto 1951, laurea in Filosofia alla Cattolica di Milano nel 1975, ordinato sacerdote nel 1978, è stato Redattore di “Mondo e missione”. Dal 1997 al 2002 ha diretto l’agenzia “Fides”. Per un periodo di tempo ha vissuto a Pechino, dove ha insegnato Storia della Civiltà occidentale all’Università di Beida.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Entry

ZENIT Staff

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione