Dona Adesso

Un’alchimia “impossibile senza la grazia”

Nei versi del poeta Angelo Barile una visionedel mondoimprontata ad un’intensa fede religiosa

Continuando il nostro itinerario nella poesia di ispirazione cristiana del ‘900, incontriamo oggi il poeta ligure Angelo Barile(Albissola Marina, 1888 – Savona, 1967), autore d’intensa fede religiosa che tradusse in versi dipacata contemplazione, per farne un viatico verso un aldilà felice ed eterno.

“La misura cristiana di Barile è proprio nel modo di dare un colore di limpidità alle cose; quasi ad assumerle non soltanto come dato di cronaca, ma di storia consacrata” scrisse di lui Valerio Volpini, che fu direttore de L’Osservatore Romano nei primi anni Ottanta.

Laureato in legge, allo scoppio della guerra mondiale del ‘15-18 venne richiamato alle armi come ufficiale di fanteria e fu ferito due volte. Dopo la Liberazione, svolse funzioni politiche ed amministrative per la Provincia di Savona. La sua attività di poeta e scrittore è nelle varie riviste letterarie del Novecento: da Solaria a Il Frontespizio alla Fiera Letteraria. Di natura appartata, fu autore non prolifico, esprimendo con ciò, anche in letteratura, la sua visione del mondo improntata ad una scelta di umiltà raccolta, che si manifestain un atteggiamento d’animo Quasi sereno (titolo della sua più importante silloge poetica, pubblicata nel 1957 presso l’editore Neri Pozza). Da questa silloge proponiamo ai nostri lettori un componimento intitolato Te per nome chiama vivo.

TE PER NOME CHIAMA VIVO

I giorni senza campane

che s’ode piangere agnelli

nel cuore della contrada

(tu vorresti riportarli ai prati,

posar sui prati le vive lane),

vanno ancora per queste tue strade

suonando a scroscio le raganelle

ragazzi in branco, beati

più che gli uccelli.

(Strepitavi anche tu come questi

angeli grezzi di Pasqua).

Scuotono le case, i petti,

fan vacillare un po’ i vecchi

che vanno lievi al Sepolcro

già sereni di resurrezione.

Ai piedi d’Uno che muore

chiamano in profondo gente.

Il tuo paese prega, si tende

dagli ulivi benedetti ieri

al mare dove entreremo

come in un battistero, leggeri,

al primo suono del Gloria.

Sussulti anche tu, giacente.

I clamanti fanciulli ti premono

all’unanime veglia. In te chino

forse vedi, a un presagio di giorno,

sparse nella tomba vuota,

le tue bende d’agonia.

Ti volgi ai Suoi che ti guardano

occhi gravi di Risorto.

Te per nome chiama vivo

la Sua voce che disse – Maria –

alla piangente nell’alba.

***

Quello di Angelo Barile è, in qualche modo, il viaggio di un esiliato, le cui speranze indefinite sono collocate in un altrove,che si proietta dal piano dell’esistere a quello dell’essere. La vita, al pari della poesia, è un’attesa sofferta, fatta di un’alternanza di contrari, di un’alchimia “impossibile senza la grazia”: parole,queste ultime,che appartengono allo stesso poeta e che sono tratte da un suo brano autobiografico facilmente interpretabile come dichiarazione di poetica: “Indicavo, forse parlando a me stesso, la necessità di fondere assieme i contrari: intensità e chiarezza, spontaneità e rigore… non è la poesia un equilibrio di resistenze? Il giuoco della libertà più aperta nei termini della legge più rigorosa. Ma come difficile, disperatamente difficile lo sposalizio. Impossibile senza la grazia. Sentivo che la poesia è un fatto del tutto insolito e raro, un dono dell’intima trasparenza. Quante volte in una vita ci viene direttamente incontro?…”.

USCIRE DALLA VITA COME QUANDO

Uscire dalla vita come quando

s’esce di chiesa

in un finale d’organo: s’avventa

l’anima a scale prodigiose, trova

il piede sulla soglia

un bianco che vi palpita: e la luce

è nuova.

Ma uscire non è dato in rapimento.

Ch’io possa almeno

lasciarmi dietro la mia stanza, un poco

volgendo il capo a riguardarla, alfine

pulita, sgombra

d’ogni discordia, in ordine sereno

come la chiesa ora vuota: le croci

fanno una chiara ombra

sul pavimento.

***

La memoria della morte e l’evocazione del mare sono stati segnalati dalla critica come due motivi fondanti dell’ispirazione di Angelo Barile. Ad orientare questa linea creativa ha sicuramente contribuito l’esperienza esistenziale vissuta nei luoghi e nei tempi della sua Liguria. Ma entrambe queste istanze poetiche sono, per così dire, amalgamate e trasposte sul piano dell’arte grazie all’autentica vena religiosa che pervade la sua poesia come un “canto di gioia smarrito”.

IL CANTO SMARRITO

Ora che la ginestra

intenerisce anche le scabre

rupi sul nostro mare,

ora vengono i giorni

grandi, d’argento. Li apre

a prim’estate,

questo favellio di campane

che c’invita domani

ai canti del Corpus Domini.

Domani andremo per i campi

a far bracciate di rami

a riempir d’oro canestre;

paveseremo le finestre,

rallegreremo di frasche

le vecchie vie dove le case

si tengono strette abbracciate

in una fuga d’archi – e laggiù

palpita un riso di mare.

Forse domani le anziane

donne apprenderanno alle spose

in processione con loro

la laude che non cantano più

da tanto tempo; e questi

erano i giorni. Saliva

all’allegrezza della fede

un coro d’anime in festa.

Oh, ravvivaci ancora,

nostra laude disimparata,

canto di gioia smarrito

nella penosa memoria

irta di sterpi… Domani

forse domani t’udremo

ritremare sgorgare vivo

quando passa Gesù.

***

I poeti interessati a pubblicare le loro opere nella rubrica di poesia di ZENIT, possono inviare i testi all’indirizzo email: poesia@zenit.org

 I testi dovranno essere accompagnati dai dati personali dell’autore (nome, cognome, data di nascita, città di residenza) e da una breve nota biografica.

 Le opere da pubblicare saranno scelte a cura della Redazione, privilegiando la qualità espressiva e la coerenza con la linea editoriale della testata.

 Inviando le loro opere alla Redazione di Zenit, gli autori acconsentono implicitamente alla pubblicazione sulla testata senza nulla a pretendere a titolo di diritto d’autore.

 Qualora i componimenti poetici fossero troppo lunghi per l’integrale pubblicazione, ZENIT si riserva di pubblicarne un estratto.

About Massimo Nardi

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione