Dona Adesso

Macerie ad Amatrice - Twitter

“Terremoto: dopo la Paura la Speranza”

Domani, a San Benedetto del Tronto, un incontro pubblico con i sindaci dei territori colpiti dal sisma

Tutto pronto per l’incontro di domani pomeriggio dal titolo “Terremoto: dopo la Paura la Speranza” che vedrà riuniti, nella Chiesa di San Benedetto Martire in San Benedetto del Tronto, provincia di Ascoli Piceno, i sindaci dei diversi comuni colpiti dal sisma del 24 agosto.

L’appuntamento è promosso dal giornale “L’Ancora della diocesi di San Benedetto del Tronto – Ripatransone – Montalto, in collaborazione con il comitato di quartiere “Paese Alto”, l’associazione “Amici del Paese Alto” e riceve il patrocinio del comune di San Benedetto del Tronto.

Dopo quasi due mesi dal sisma che ha sconvolto il centro-Italia, verrà proposto un confronto inedito che avrà come obiettivo principale, quello di favorire azioni capaci di generare nuovi dinamismi nella società, attraverso il coinvolgimento di persone e gruppi, affinché fruttifichino importanti avvenimenti e opportunità. Uno dei principali obiettivi è quello di far si che cresca sempre di più una maggiore sensibilità e che a distanza di tempo resti alta attenzione alle zone colpite dal sisma.Mai, infatti, si sarebbe pensato che una tale tragedia colpisse tanti comuni tra le Marche e il Lazio.

Saranno presenti i Sindaci: di San Benedetto del Tronto, Pasqualino Piunti, di Accumoli Stefano Petrucci, di Amatrice Sergio Pirozzi, di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci, il Parroco di di Pescara del Tronto, Don Francesco Armandi, la giornalista esperta in comunicazione ed emergenza della Protezione Civile, Tamara Ciarrocchi.

Durante il pomeriggio sarà possibile inoltre ascoltare le testimonianze di un ristoratore di Amatrice, di una famiglia di Accumoli e di altri importanti testimoni che condivideranno la propria storia dopo il terremoto come quella del fotografo Alberto Cicchini presente dalle prime ore sul luogo colpito del sisma.

Ricordiamo che San Benedetto del Tronto ospita presso le proprie strutture alberghiere un’importante comunità proveniente dai territori colpiti dal sisma in particolare dal comune di Accumoli.

Al termine dell’incontro sarà possibile partecipare ad una cena preparata dai ristoratori di Amatrice per proseguire in una serata nel segno della solidarietà. Verranno proposti infatti i piatti tipici delle zone colpite dal sisma come “l’Amatriciana” cucinati appositamente dagli chef dei noti ristoranti di Amatrice, distrutti dalla tragedia del 24 agosto scorso.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione