Dona Adesso

Bussola / Pixabay CC0 - PIX1861, Public Domain

Mai perdere la bussola del vangelo!

Conduce ognuno, se non alterato, al vero Dio

L’uomo non riesce a capire come la strada indicata dal vangelo possa essere una vera compagna di vita, capace di aprire orizzonti sconosciuti e tutelare ogni bene prodotto per la propria realtà sociale e quella degli altri. Si tratta di una bussola orientata verso il conseguimento della vita eterna. L’essenziale è vigilare perché non si sposti da Dio all’uomo; dal cielo alla terra, dall’eternità al tempo umano, come di solito rievoca Papa Francesco.

In questi casi il vangelo perde la sua originalità sapienziale, anche se dovesse rimanere alta filosofia, moralità, filantropia, raffinato umanesimo. Il vangelo conduce ognuno, se non alterato, al vero Dio; guida il vero uomo ad ogni uomo; indirizza qualunque persona all’unico Creatore, con la bussola diretta costantemente in direzione del regno eterno. Forse oggi si fa un po’ di fatica ad immaginare una nave che sia evangelica e che viaggi verso il Bene Supremo. È però il solo percorso in grado di rilanciare l’essenza spirituale dell’uomo caduta in un neomaterialismo senza regole e confini. Il mondo ha bisogno di un uomo nuovo. Ma cosa significa rinnovarsi?

Non certo imprigionarsi alle condizioni quotidiane dettate dalle leggi degli uomini che, più volte, disdegnano il bene comune ed esaltano il profitto fine a sé stesso o cavalcano l’onda demagogica che ascolta la “pancia” pubblica e disdegna l’equilibrio sapienziale. Il vangelo rimane sullo sfondo, pronto ad essere citato nelle sue frasi più celebri. Non guasta infatti inserire al momento opportuno, nei discorsi di società, un riferimento in odore di sacralità.

Un “vezzo” retorico con l’idea di rendere più autorevole l’esternazione di turno da condividere con soci e compari, magari a supporto di interessi non sempre chiari. Un modo corrente di stravolgere di fatto il vangelo in cui Gesù, citando i ricchi, non ha alcuna esitazione ad affermare “Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!”.

Una verità che di certo non vieta per alcun motivo la ricchezza, ma che saggiamente sottolinea come la dipendenza dai beni materiali spesso confonde i cuori e offusca le menti, più che in quella categoria di uomini citati da Paolo nella prima lettera a Timoteo: “Iniqui e ribelli, empi e peccatori, sacrìleghi e profanatori, parricidi e matricidi, assassini, fornicatori, sodomiti, mercanti di uomini, bugiardi, spergiuri”. Indicativa l’osservazione in proposito del relatore in una catechesi sull’attualità del vangelo:

“Gesù dice solo che l’attaccamento ai beni di questo mondo distoglie lo sguardo verso il regno di cieli. Noi invece cosa diciamo? Che non c’è più alcuna perdizione eterna e che l’inferno è stato incendiato, non esiste più. Tutti i suoi antichi inquilini, se mai ce ne fossero stati, sono emigrati nel cielo”. Ritorna su ogni questione la falsa consapevolezza di un cielo aperto a tutti, sotterrando l’autenticità dell’insegnamento di Cristo o comunque monopolizzandolo fino agli opposti estremi.

La difficoltà di gestire le ricchezze materiali personali, riuscendo a non perdere l’equilibrio interiore, cresce sempre di più in un mondo dove il possesso delle cose più preziose continua a condizionare il potere politico e finanziario. È difficile esserne distaccati. In Marco leggiamo cosa risponde Gesù ad un passante che cerca la vita eterna e che già dice di osservare i comandamenti del Signore: “Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse:

«Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni”. Bisogna però stare attenti a proclamare su questo argomento giudizi affrettati e spesso utilizzati a sproposito dai novelli demagoghi, pronti a legare la rovina individuale ad una elevata posizione economica, per poi annunciare tuttavia una finale generosità del cielo. Illuminante a questo punto uno stralcio di una approfondita riflessione del mio maestro spirituale:

“Non possiamo noi “terrorizzare i ricchi” dicendo loro che per essi non c’è salvezza eterna e poi da tutte le cattedre di questo mondo e da tutti i pulpiti gridiamo che l’inferno non esiste e che la misericordia del Signore coprirà ogni peccato e porterà tutti nel suo regno eterno. A che serve minacciare di escludere dalla Chiesa quanti operano il male, se poi Dio non esclude dal suo Paradiso? Dicendo che Dio accoglie tutti nel suo cielo, noi dichiariamo inutili sia il Vangelo, sia la Chiesa, sia i suoi ministri, sia i suoi sacramenti, sia la sua teologia e verità, sia la sua stessa missione. O pensiamo con il pensiero di Cristo Gesù o ci dichiariamo vani in ordine alla missione di salvezza”.

Se il Papa, i vescovi, i sacerdoti, le donne e gli uomini consegnati al Signore, i teologi, spendono la loro vita ad accompagnare l’uomo a raggiungere la vita eterna è perché senza la conversione dei cuori sarebbe difficile raggiungere la propria salvezza. È fuori di senso l’idea che comunque tutti saranno redenti al di là dei propri continui peccati e delle varie dipendenze dall’ordine terreno! A cosa servirebbero il vangelo, la teologia, i comandati, la missione della gerarchia ecclesiale e gli stessi sacramenti?

Il pericolo è dietro l’angolo, ma la Chiesa prevarrà perché voluta da Dio. Nessuno può distruggerla, neanche le nuove tendenze spirituali, funzionali solo ad addormentare la forza viva dell’animo delle persone. Energia inesauribile che trova anche nel tempo odierno la sua stabile residenza in un pensiero di Cristo che non sia semplicemente storico, ma emanazione costante del Padre dell’universo a cui ogni cosa tende, si riconosce e avanza in verità.

Chi volesse contattare l’autore può scrivere al seguente indirizzo email: [email protected] Sito personale: www.egidiochiarella.it. Per seguire la sua rubrica su Tele Padre Piohttps://www.facebook.com/troppaterraepococielo

About Egidio Chiarella

Egidio Chiarella, pubblicista-giornalista, ha fatto parte dell'Ufficio Legislativo e rapporti con il Parlamento del Ministero dell'Istruzione, a Roma. E’ stato docente di ruolo di Lettere presso vari istituti secondari di I e II grado a Lamezia Terme (Calabria). Dal 1999 al 2010 è stato anche Consigliere della Regione Calabria. Ha conseguito la laurea in Materie Letterarie con una tesi sulla Storia delle Tradizioni popolari presso l’Università degli Studi di Messina (Sicilia). E’ autore del romanzo "La nuova primavera dei giovani" e del saggio “Sui Sentieri del vecchio Gesù”, nato su ZENIT e base ideale per incontri e dibattiti in ambienti laici e religiosi. L'ultimo suo lavoro editoriale si intitola "Luci di verità In rete" Editrice Tau - Analisi di tweet sapienziali del teologo mons. Costantino Di Bruno. Conduce su Tele Padre Pio la rubrica culturale - religiosa "Troppa terra e poco cielo".

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione