Dona Adesso

Jacques-Louis David (1748 – 1825), Autoritratto / Wikimedia Commons - http://hoocher.com/Jacques_Louis_David/Jacques_Louis_David.htm, Public Domain (cropped)

Jacques-Louis David e la visione dell’arte

Per il ciclo i “Mercoledì dell’arte”, una conferenza di Enrico Maria Davoli, il prossimo 15 febbraio, presso l’Accademia Urbana delle Arti a Roma

Enrico Maria Davoli vive a Reggio Emilia. Si occupa di storia dell’arte moderna e contemporanea e di temi e problemi relativi alla decorazione e all’ornatistica sia storiche sia contemporanee. E’ docente di Storia del Design all’Accademia di Belle Arti di Milano-Brera. Ha all’attivo una ricca attività pubblicistica e curatoriale. Fondatore insieme a Marco Lazzarato della rivista on line Fare decorazione, che ha come obbiettivo di riflettere sul tema del decoro e della decorazione nell’attuale panorama artistico ed industriale italiano ed internazionale http://www.faredecorazione.it/

L’occasione di questo incontro con l’arte di Jacques-Louis David (Parigi 1748-Bruxelles 1825) è data dalla traduzione in lingua italiana di uno dei testi critici più importanti mai scritti sul grande pittore neoclassico: David, son école et son temps, pubblicato nel 1855 da Étienne-Jean Delécluze (Parigi 1781-Versailles 1863). A presentare il libro, appena uscito col titolo Jacques-Louis David, la sua scuola e il suo tempo, presso l’editore Carlo Saladino di Palermo, è il curatore (insieme a Daniela Boni) Enrico Maria Davoli.

Delécluze, un allievo di David che aveva ben presto abbandonato la pittura per dedicarsi alla critica d’arte, ricostruisce una sequenza di avvenimenti di enorme portata: quella che, in Francia, si colloca a cavallo tra i secoli XVIII e XIX. La narrazione si snoda attraverso un affascinante andirivieni tra “pubblico” e “privato”. Facendo appello ai ricordi e riscontrandoli con le testimonianze degli amici e dei colleghi di tanti anni prima, Delécluze fa rivivere al lettore, quasi in presa diretta, le occasioni in cui l’esistenza di David si intreccia con quella altrui, a partire dagli allievi del suo atelier, per arrivare ai personaggi più celebri del suo tempo.

A parlarci ancor oggi di David – prima esaltato dagli eventi rivoluzionari e napoleonici che lo fecero assurgere ai vertici della vita pubblica, poi travolto dall’avvento della Restaurazione che lo obbligarono a prendere la via dell’esilio – restano, come ovvio, le opere. Tra di esse, non pochi capolavori, che, dal Giuramento degli Orazi (1784) fino al Leonida alle Termopili (1814), trovano in Delécluze un critico e un esegeta a tutt’oggi per molti versi insuperato.

Ma dietro le opere e fin dentro la loro intima struttura, è fondamentale la suggestione esercitata dai luoghi da cui esse presero vita. Prima e dopo Parigi, il sito principale della topografia davidiana (e del neoclassicismo tutto) è la città di Roma. Anche di questo parla il libro di Delécluze, rievocando un capitolo fondamentale nei rapporti culturali (e non solo) tra Francia e Italia. David, la sua scuola e il suo tempo è il testimone di una staffetta che, sviluppatasi in età manierista e barocca con artisti come Poussin, Lorrain e Bernini, proprio in quegli anni vede consumarsi, con David e i suoi allievi borsisti dell’Accademia di Francia a Roma, la sua ultima, grande stagione di respiro europeo.

[Étienne-Jean Delécluze, Jacques-Louis David, la sua scuola e il suo tempo, a cura di Enrico Maria Davoli e Daniela Boni, Saladino editore, Palermo 2017]

Per info www.rodolfopapa.it  tel. 06.58301143

APPUNTAMENTO

Mercoledì 15 febbraio 2017 ore 18.00
Presso la sede dell’Accademia Urbana delle Arti
Piazza Enrico Dunant, 55 Roma

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione