Dona Adesso

Pixabay CC0 - kloxklox_com, Public domain

Il turbamento di Cristo

Meditazione quotidiana della Parola di Dio

Lettura

Buone sono le lacrime, che lavano la colpa. Piangono coloro che Gesù guarda. Pietro ha negato una prima volta e non ha pianto, perché il Signore non lo aveva guardato. Ha negato una seconda volta, e di nuovo non ha pianto, perché ancora il Signore non aveva rivolto il suo sguardo verso di lui. Nega una terza volta: Gesù lo guarda, ed egli piange amaramente (cfr. Lc 22,61-62). Guardaci, Signore Gesù, affinché noi sappiamo piangere i nostri peccati.

Meditazione

Quest’oggi la Parola di Dio sottopone alla nostra attenzione ancora un episodio doloroso. Gesù, che Giovanni presenta come colui che ama, è stretto fra due tradimenti: uno attuale, quello di Giuda; e uno prossimo, quello di Pietro. Forse la vicenda di Giuda, considerata da tutti come il paradigma del tradimento, distoglie la nostra attenzione da un fatto che non è marginale: Pietro, il discepolo cui sono state affidate le chiavi della Chiesa, non può e non deve ritenersi giusto di fronte a Giuda. Se quest’ultimo, infatti tradirà fra poco il Figlio di Dio, a Pietro Gesù profetizza un tradimento che si ripeterà per ben tre volte. Ad entrambi, però, Cristo annuncia la sua glorificazione per mezzo della sua passione: Egli ha amato Giuda nonostante il suo tradimento; egli ama Pietro benché lo tradirà tre volte. L’epilogo certamente è diverso: Giuda muore suicida; Pietro verserà le sue lacrime per ciò che ha fatto. La passione di Cristo ci invita a confrontarci con questi due peccatori: per quanto grande possa essere il nostro peccato, ancora più grande, anzi – come dice san Paolo – ancora più sovrabbondante è la grazia di Cristo (cfr. Rm 5,20). Spogliamoci dell’uomo che dispera della salvezza (Giuda), e impariamo a piangere sui nostri peccati, attendendo con passione e desiderio profondo e sincero, il perdono della Pasqua (Pietro). È utile comprendere, a questo proposito, il ruolo del canto del gallo: esso è il simbolo di colui che veglia contro l’intruso. Pietro tradisce, ma – con il canto del gallo – è come risvegliato nella sua coscienza a far riemergere in se stesso tutti i gesti di amore con cui Cristo lo ha conquistato a sé. Non vi è solo il peso della colpa all’origine del suo pianto, ma vi è anche il modo incommensurabile dell’amore divino che lo ha fatto essere discepolo. Abbandoniamoci a questo amore che ci ha fatto essere cristiani.

Preghiera:

Donaci, o Dio di misericordia, la grazia di spogliarci completamente dell’uomo vecchio per rivestirci dell’uomo nuovo attraverso il pianto che lava interiormente. Le nostre lacrime purifichino ciò che c’è internamente, preparandoci a fare di noi stessi il luogo della tua dimora.

Agire:

Impariamo da Dio a dare valore alle lacrime altrui: consoliamo chi è nella disperazione, assistiamo chi è nel bisogno e portiamo sorrisi di grazia nella vita altrui.

Meditazione del giorno a cura di Don Emilio Bettini, tratta dal mensile Messa Meditazione, per gentile concessione di Edizioni ART. Per abbonamenti info@edizioniart.it

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione