Dona Adesso

ZENIT - AK

Il “Treno verso la vita” porta 500 malati oncologici in Vaticano

Oggi l’iniziativa di CasAmica onlus, in collaborazione con la Fondazione Ferrovie dello Stato

Un “Treno verso la vita”, risalente al 1928 e trainato da una locomotiva a vapore del 1918, è giunto questa mattina nella Stazione della Città del Vaticano, dopo 45 minuti di viaggio dal binario 21 della Stazione Termini di Roma. A bordo delle sei carrozze, messe a disposizione dalla Fondazione Ferrovie dello Stato, c’erano 500 malati oncologici, accompagnati dai loro familiari e amici.

Una volta arrivati in Vaticano i “pellegrini della salute” hanno raggiunto a piedi la Basilica di San Pietro passando di fronte alla Casa Santa Marta dove risiede il Papa e attraversato la Porta Santa. Poi, davanti alla Pietà del Michelangelo, hanno ricevuto il saluto e la benedizione del cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura. Lo stesso porporato ha poi preso parte al convegno dal titolo La Bellezza salverà il mondo, salviamo la bellezza, con la partecipazione del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini.

Tutto l’evento è stato promosso da CasAmica Onlus, un’organizzazione di volontariato che dal 1986 accoglie malati e loro familiari in difficoltà che devono soggiornare lontano da casa, anche per lunghi periodi, per ricevere le cure di cui hanno bisogno dalle strutture ospedaliere.

“In occasione dell’Anno straordinario della Misericordia – ha dichiarato Lucia Vedani, fondatrice e presidente della onlus – con questa iniziativa desideriamo porre all’attenzione del Paese, delle Istituzioni, l’enorme sofferenza e le difficoltà che incontrano oltre 400 mila ‘pellegrini della salute’ ogni anno in Italia, costretti a lasciare la propria casa per trasferirsi in un’altra città in cerca di cure mediche d’eccellenza”.

L’Associazione gestisce quattro Case di accoglienza (tre dedicate agli adulti e una ai bambini) a Milano, per un totale di 100 posti letto. In 30 anni, ha ospitato circa 70 mila ‘migranti della salute’ nelle sedi di Milano. Da alcuni mesi ha intrapreso la ristrutturazione di un grande immobile nel IX Municipio, a Trigoria. La struttura avrà 25 camere in grado di ospitare fino a 50 persone al giorno. Servirà il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena, l’Ospedale Sant’Eugenio e le altre strutture sanitarie della città. La conclusione dei lavori di ristrutturazione è attesa per l’autunno 2016.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione