Dona Adesso

Cimitero / Pixabay CC0 - Unsplash, Public Domain

Il Papa celebra la Messa del 2 novembre al Cimitero Flaminio

Nel pomeriggio Francesco presiederà la celebrazione eucaristica della Commemorazione dei Defunti, assieme al cardinale Vallini, al vicegerente Iannone e al vescovo ausiliare Di Tora

Mercoledì 2 novembre, commemorazione dei fedeli defunti, Papa Francesco presiederà la Messa nel piazzale antistante l’ossario del Cimitero Flaminio alle ore 16.

Concelebreranno il cardinale vicario Agostino Vallini, l’arcivescovo Filippo Iannone, vicegerente della diocesi di Roma, il vescovo ausiliare per il settore Nord della diocesi di Roma monsignor Guerino Di Tora e il parroco dei Santi Urbano e Lorenzo a Prima Porta, padre Zbigniew Golebiewski.

Seguirà la benedizione delle tombe. La celebrazione eucaristica sarà animata musicalmente dal Coro della diocesi di Roma e dal Coro dei Santi Urbano e Lorenzo a Prima Porta diretti dal maestro monsignor Marco Frisina.

“I sacerdoti che vogliono partecipare – riferisce l’Ufficio liturgico del Vicariato di Roma – avranno un settore riservato e dovranno indossare l’abito talare o religioso e la cotta (i parroci anche la stola di colore viola) e trovarsi sul luogo della celebrazione entro le ore 15.30. Tutti i fedeli sono invitati a partecipare”. Non è richiesta la presentazione di alcun biglietto.

In occasione della commemorazione dei defunti sono previste celebrazioni eucaristiche, come di consueto, anche negli altri cimiteri romani. Martedì 1 novembre, solennità di Tutti i Santi, sono in programma al Verano e a Ostia Antica (via di Piana Bella). La prima, alle 16, sarà presieduta dal vescovo Guerino Di Tora, ausiliare per il settore Nord, nella basilica di San Lorenzo fuori le Mura; la seconda, alle 15.30, dal vescovo Paolo Lojudice, ausiliare per il settore Sud, che il giorno successivo, mercoledì 2, presiederà anche la Messa al Cimitero Laurentino (via Laurentina km. 13.500) sempre alle 15.30.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione