Dona Adesso

C00 Pixabay

I carboni neri

Se messi nel braciere dell’infinita misericordia, i peccati diventano fuoco che il­lumina la strada verso Dio a coloro che ancora non lo conoscono

Sono entrato un giorno dove lavora il fabbro fer­raio: ho visto che prendeva dei carboni neri, tanto neri da sporcarsi le mani, e li gettava nella sua fu­cina.

Quei carboni neri, al contatto con il focolare su cui il fabbro arroventava il ferro, diventavano, a lo­ro volta, fuoco ardente, brace: tanto neri prima, al­trettanto incandescenti dopo.

Producevano tanta luce, tanto fuoco e tanto calore che servivano agli scopi del fabbro.

I peccati sono come carboni neri che sporcano, ma, se messi nel braciere dell’infinita misericordia di Dio, diventano fuoco a loro volta, fuoco che il­lumina la strada che porta alla misericordia di Dio, fuoco e luce che segnalano la strada verso Dio a coloro che ancora non la conoscono.

Ancora oggi i peccati della Maddalena, della Sa­maritana, del figlio prodigo, di Pietro, del buon ladrone, i nostri stessi peccati, immersi nel bracie­re della misericordia di Dio, cantano a tutti gli uo­mini la Sua misericordia.

Ciao da p. Andrea

***

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione