Dona Adesso

Pixabay - CC0

Flashes

Stai sereno: c’è l’amore, c’è il calore, c’è… Dio!

Per la pioggia torrenziale nel cortile asfaltato accanto alla casa si è formato un lago; ho tolto dal tombino una semplice foglia che ostruiva il passaggio dell’acqua. Anche un piccolo cenno di egoismo può inquinare l’amore: può ostruire il passaggio vitale di Dio tra te e il prossimo.

Tutte le stagioni sono belle. Angosciante l’autunno?! Solo lui ti dona i colori sgargianti del bosco; solo lui trasforma in fiori anche le foglie. L’inverno è privo di vita!? Ringrazia i suoi rami nudi che ti permettono di godere direttamente la vista del sole.

Pioveva e poco più avanti vedo un bellissi­mo, coloratissimo, sofisticato ombrello buttato sul marciapiede. Lo pren­do, meravigliandomi che un ombrello così bello, così attraente, non a­vesse destato l’interesse di nessuno.

Sì, bellissimo e sofisticato, sgargiante; ma un ombrello che non si apre non interessa, non serve proprio nessuno. Apriti col sorriso e servirai tutti.

Camminavo preoccupato. Vedo passare un autobus per la strada, con una scritta sulla fiancata: “Stai sere­no: c’è l’amore, c’è il calore, c’è… Italgas!”.

Mi sono detto: “Stai sereno: c’è l’amore, c’è il calore, c’è… Dio!”

Ciao, da padre Andrea

 

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione