Dona Adesso
Aleppo

Aleppo - Flickr

Aleppo. Vescovi cattolici: “Per il grido del sangue dei martiri, basta guerra!”

In un messaggio i presuli offrono consolazione e speranza ai fedeli e gridano “basta” a chi progetta ed esegue la guerra. La città ancora sconvolta dai bombardamenti

“Noi siamo figli della Risurrezione, figli della Speranza, e crediamo fermamente che queste sofferenze non andranno a vuoto: sull’esempio dei Santi e dei Martiri, le uniamo con la Passione di Cristo, perché diventino sofferenze santificate e santificanti, per la pace in Siria e la salvezza della nostra città”. Così i vescovi cattolici di Aleppo, in un messaggio rivolto innanzitutto ai propri fedeli, offrono parole di consolazione e speranza agli abitanti della città-martire siriana, di nuovo stravolta dal riacutizzarsi del conflitto che dopo poche settimane di tregua è tornato a infierire sulla popolazione civile, sia nei quartieri controllati dal governo che in quelli dove sono insediate le milizie ribelli, con lanci di artiglieria e bombardamenti che hanno colpito anche un ospedale gestito da Medici senza Frontiere.

In un messaggio, pervenuto all’agenzia Fides, i presuli cattolici di Aleppo rivolgono il loro grido “alle coscienze di chi progetta e chi esegue questa guerra”, implorando ad alta voce “Basta” per “amor di Dio” e “per misericordia degli uomini”, per “il grido del sangue dei bambini e dei martiri che sale a Dio” e “per le lacrime delle madri in lutto”.  Nel delirio di morte e violenza che sommerge Aleppo, i vescovi esprimono finalmente uno sguardo cristiano alle sofferenze dei propri fratelli nella fede e di tutti i propri concittadini, lontano dalle pose interessate di chi usa anche le sofferenze dei cristiani come armamentario strumentale per battaglie ideologiche, o come pretesto di mobilitazioni e campagne impostate in chiave cultural-politica.

Invitano quindi tutti a non lasciarsi “vincere dalla tristezza e dalla disperazione”, e rinnovano la consacrazione di Aleppo al Cuore Immacolato di Maria, a colei “che nelle sue apparizioni a Fatima aveva chiesto la consacrazione del mondo al suo Cuore Immacolato per ottenere la pace”. In particolare, nel mese di maggio dedicato a Maria, i presuli chiedono ai cattolici di offrire “preghiere, e specialmente il Rosario, nelle nostre chiese per questa intenzione: convertìti a Dio, e supplicando l’intercessione di Maria Vergine, Regina della pace, mettiamo il nostro Paese, la Siria e la nostra città di Aleppo sotto la Sua protezione”.

Intanto nel paese la situazione è tornata nel caos, nonostante l’appello di pace del Papa ieri, durante il Regina Coeli. Dopo la violazione della tregua, negli ultimi sette giorni i bombardamenti delle forze filo-governative hanno ucciso 250 persone, tutti civili.

Sembra sempre più difficile raggiungere un compromesso tra opposizioni e il regime di Damasco, anche se il delegato Onu per la Siria, Staffan de Mistura, ha annunciato una settimana decisiva per i colloqui di pace. De Mistura è in queste ore a colloquio con il Segretario di Stato americano, John Kerry, a Ginevra per discutere le prossime mosse necessarie per salvare il tavolo delle trattative. Domani volerà invece a Mosca per un faccia a faccia con il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, nel tentativo di trovare una mediazione che porti alla fine degli scontri nella regione.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione