Dona Adesso

Unioni civili: un’altra voce laica “fuori dal coro”

Secondo Ernesto Galli Della Loggia la rappresentazione mediatica del dibattito non rispecchia affatto il sentire della popolazione, essendo completamente sbilanciata in senso ‘progressista’

Mentre nel paese continua a fervere il dibattito sul ddl Cirinnà, anche riguardo alla posizione che la Chiesa dovrebbe assumere (il cardinale Bagnasco si è schierato a favore di un dibattito libero, possibilmente accompagnato dal voto segreto, mentre monsignor Galantino si è pronunciato per un più generico “rispetto del parlamento”), i commenti di maggior interesse continuano ad essere quelli dei “laici fuori dal coro”.

È il caso di Ernesto Galli della Loggia. Il 73enne storico e politologo, nel suo ultimo editoriale sul Corriere della Sera si è soffermato sulla totale disparità di trattamento dell’opinione pubblica a livello di mass media, in considerazione del fatto che, in particolare sulle adozioni da parte di coppie omosessuali, i sondaggi risultano essere particolarmente incerti ed oscillanti.

“Essendo incerta l’effettiva percentuale dei favorevoli e contrari tra gli elettori, qualunque dibattito in merito avrebbe dovuto equamente rappresentare, come è ovvio, entrambe le posizioni”, scrive Galli Della Loggia, mettendo fortemente in dubbio che stampa e televisione siano state all’altezza della “complessità” del tema.

Vi è, secondo lo studioso, una “soverchiante ossessiva presenza” in TV e alla radio di esponenti politici, con un “succedersi, in genere semiurlato o punteggiato di interruzioni, di frasi di un minuto, di affermazioni immotivate e ripetute senza tener conto delle eventuali obiezioni”.

Da parte loro, i conduttori dei talk show televisivi si mostrano “incuranti di tenere la discussione su un binario di reale approfondimento”, indulgendo, per di più, in atteggiamenti a vario titolo “derisori” nei confronti di chi non condivida la loro opinione, ovvero, “nove volte su dieci”, gli “oppositori” al ddl Cirinnà.

A livello di cinema e, in generale, di produzione culturale, si riscontra la medesima “iper-rappresentazione” dell’opinione “laico-progressista”, che tende a schiacciare “tutto ciò che appare tradizionale”, a partire dalla “dimensione religiosa”. Un esempio su tutti: il Festival di Sanremo, trasformatosi “disinvoltamente in una manifestazione in sostegno delle varie cause che vanno sotto la sigla dell’«arcobaleno»”.

Il mainstream culturale, osserva Galli della Loggia, quasi aprioristicamente, tende ad accogliere per buono qualunque punto di vista che si presenti come più “moderno”, più “avanzato”, più “democratico”, più “laico”. Rispetto, però, ad ambiti com e “l’istruzione, la scuola, la vita sessuale, la religione, la morte, i rapporti tra le culture”, commenta l’editorialista, “non è proprio così ovvio che cosa voglia dire ‘progresso’, ‘democrazia’ e quant’altro”.

Gli italiani ‘conservatori’ o orientati verso “assetti tradizionali” sono “di sicuro un buon numero”, scrive Galli Della Loggia. “Tuttavia nel dibattito pubblico del loro Paese un punto di vista culturale che li rappresenti è di fatto inesistente”.

Se da un lato è scomparsa “ogni vestigia di Sinistra marxista con la fine del vecchio Partito comunista”, mentre, secondo il politologo, la Chiesa sta rivolgendo la sua attenzione prevalentemente al “sociale”, nemmeno la Destra politica sembra in grado di giocare un ruolo, essendo totalmente evanescente dal punto di vista “ideale, culturale, antropologico”.

La conclusione di Galli Della Loggia è quindi particolarmente drastica: “Di fronte a un establishment così ideologicamente blindato, quale altra diversità autentica, quale altra protesta sono allora possibili, alla fine, se non quelle distruttive offerte dal populismo?”.

 

 

About Luca Marcolivio

Roma, Italia Laurea in Scienze Politiche. Diploma di Specializzazione in Giornalismo. La Provincia Pavese. Radiocor - Il Sole 24 Ore. Il Giornale di Ostia. Ostia Oggi. Ostia Città (direttore). Eur Oggi. Messa e Meditazione. Sacerdos. Destra Italiana. Corrispondenza Romana. Radici Cristiane. Agenzia Sanitaria Italiana. L'Ottimista (direttore). Santini da Collezione (Hachette). I Santini della Madonna di Lourdes (McKay). Contro Garibaldi. Quello che a scuola non vi hanno raccontato (Vallecchi).

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione