Dona Adesso

Don Pier Jabloyan, salesiano di Aleppo

Siria. I salesiani: “Intensificate le preghiere per noi”

I Salesiani del Medio Oriente invitano ad unirsi alla Giornata Internazionale di Preghiera per la Pace ad Aleppo e in Siria, domenica prossima, 8 maggio.

Divisa dalla linea del fronte tra forze governative e milizie ribelli, Aleppo è ormai una città totalmente lacerata dalla guerra. Città moribonda, città martire, città che sanguina a causa dell’odio. Don Pier Jabloyan, salesiano che ad Aleppo è nato e cresciuto, non sa più come definire la sua città. In un nuovo video-appello lanciato dall’opera salesiana nella città, don Jabloyan fa una richiesta: “Intensificate la vostra preghiera per noi in modo speciale in questo mese mariano”.

“In città la situazione è molto drammatica e difficile. La popolazione non sa più cosa fare, tanti morti, tanti bombardamenti. Non ci sono più posti sicuri in città” afferma il salesiano nel filmato girato dal cortile dell’oratorio, ormai tristemente vuoto dato che gli ultimi bombardamenti hanno portato anche alla sua chiusura, quando fino a pochi giorni fa almeno costituiva un’oasi di normalità per tanti bambini e adolescenti.

Mentre in sottofondo si percepisce il rumore delle esplosioni di bombe e granate, don Jabloyan supplica il sostegno nella preghiera “affinché per la intercessione materna di Maria SS.ma Ausiliatrice il Signore guardi questa terra ferita e doni a questa popolazione un po’ di pace”.

In un post condiviso su Facebook lo stesso salesiano aggiunge: “La morte viene seminata tra bambini e giovani, vecchi e anziani, uomini e donne. Sembra che la lotta non vuole risparmiare nessuno… l’unico discorso che viene fatto tra la gente… è quello sulla morte. Ad Aleppo stiamo vivendo una ingiustizia, uno scandalo che resterà impresso sulla fronte dell’umanità intera”.

Intanto i Salesiani del Medio Oriente invitano ad unirsi alla Giornata Internazionale di Preghiera per la Pace ad Aleppo e in Siria, domenica prossima 8 maggio.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione