Dona Adesso

Copyright: Servizio Fotografico L'Osservatore Romano

Parole di Ringraziamento del Card. Charles Bo, S.D.B., Arcivescovo di Yangon

Santa Messa al Kyaikkasan Ground – 29 novembre 2017

Riportiamo di seguito il testo integrale:

Questa è un’esperienza del monte Tabor. I cattolici semplici vivono una esperienza emozionante. Oggi siamo trasportati su una montagna di Beatitudine La vita non sarà mai più la stessa per i Cattolici del Myanmar Solo un anno fa il pensiero che questo piccolo gregge avrebbe condiviso il Pane con il nostro Santo Padre Francesco sarebbe stato un puro sogno. Noi siamo un piccolo gregge. Noi siamo come Zaccheo. In mezzo alle Nazioni non potevamo vedere il nostro Pastore. Come Zaccheo, siamo stati chiamati: “scendi, voglio fermarmi a casa tua”. Ecco il nostro Santo Padre. Il Santo Padre Francesco: un buon Pastore che va in cerca dei piccoli e di quelli ai margini. Lei, Santo Padre, ha spezzato il Pane della Parola e dell’Eucaristia con noi. Facciamo nostre le commoventi parole della nostra madre, la Vergine Maria: “ha innalzato gli umili. La mia anima magnifica il Signore”.
Come i discepoli sul monte Tabor ritorniamo a casa. Torniamo a casa con una straordinaria energia spirituale, orgogliosi di essere cattolici, chiamati a vivere il Vangelo. Questo giorno rimarrà impresso in ogni cuore qui presente. Carissimo Santo Padre! Ogni cattolico qui presente, con un cuore pieno di riconoscenza, ringrazia
la Sua generosità. Oggi è avvenuto un miracolo. Tutti noi ritorniamo a casa come miracolati da Dio. Grazie Santo Padre. Questo piccolo gregge continuerà a pregare per Lei.

© Copyright – Libreria Editrice Vaticana

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione